Internazionali, Sinner supera Humbert: ora Nadal lo aspetta

Jannik, dopo la vittoria in due set con il francese, punta sull’ottimo rivale: “Ora ci conosciamo meglio, sarà una sfida interessante”

Jannik Sinner si è sbarazzato facilmente del francese Ugo Humbert. Due set in cui l’allievo di Riccardo Piatti non ha avuto grosse difficoltà, finendo 6-2 6-4 in un’ora e 29 minuti. Partita equilibrata tra due giovani talenti Next Gen ma già con un posto fisso in testa alla classifica. Jannik dall’alto del suo numero 18 e Ugo con il suo numero 32 avevano tanti motivi, ma è stato l’Alto Adige a tenere sempre sotto controllo la situazione. Un solo difetto per lui, all’inizio del secondo set, quando ha perso il servizio ed è finito 2-0.

Ma il vantaggio del francese che ama suonare il pianoforte dura poco, Jannik riprende fiato e torna in campo trovandosi subito sopra 4-2 per poi partire per conquistare set e match 6-4.

Tra Nadal e Milan

Dovevano incontrarsi a Madrid, appuntamento rinviato al Foro Italico: nel turno successivo, Sinner ritroverà Rafa Nadal, che a Roma cerca il titolo numero dieci, un’altra doppia cifra per impreziosire la sua corona. Solo il ko prematuro in Spagna ha impedito gli esami finali dopo il Roland Garros 202o: “Dopo il Real Madrid, con la squadra, abbiamo ripreso a lavorare secondo il nostro programma abituale. Nessun sconvolgimento. Forse ci siamo concentrati un po ‘di più sul servizio. Contro Nadal sarà importante avere la mentalità giusta. So di avere più armi del Roland Garros, ma allo stesso tempo Rafa, che è un grande campione, proverà a mettermi in difficoltà ”. Adesso si conoscono meglio, soprattutto dopo la totale immersione ad Adelaide, quando si sono allenati insieme per due settimane: “Lo conosco ma ora ne sa più di me. Sarà un momento importante per me, vediamo come va. Entrerò in campo con la mentalità giusta e cercherò di ferirlo molto con il mio gioco, ora con la mia squadra cercheremo di capire cosa posso fare meglio dell’ultima volta. È uno sport di situazioni e per ognuna devi trovare la giusta soluzione ”.

READ  Binotto: "Non siamo mai irregolari nel 2019" - F1 Team - Formula 1

Ieri la finale di Matteo Berrettini a Madrid contro lo Zverev ha sofferto con lui: “Mi è dispiaciuto molto – ha detto Jannik, che un mese fa ha perso la sua finale dei 1000 a Miami contro l’Hurkacz – soprattutto dopo aver visto come aveva iniziato bene il secondo set. Ci siamo incontrati e ne abbiamo parlato poco prima negli spogliatoi ”.

Tra un punto e l’altro anche uno sguardo al suo Milan che ha travolto la Juve: “Da tifoso sono molto contento, è sempre importante quando si battono squadre importanti. Ho visto tutti gli highlights con Rocco, il figlio del mio allenatore Riccardo Piatti. Un risultato come questo poi … è ancora più bello “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *