Iran, regista ucciso e smembrato dai suoi genitori

TEHERAN – L’Iran è alle prese con un crimine “d’onore”, riportato in prima pagina da tutti i giornali del Paese. La vittima è un noto regista, Babak Khorramdin, 47 anni. Il suo corpo è stato trovato smembrato in un bidone della spazzatura. E ad aumentare l’orrore c’è il fatto che sono stati i suoi genitori a ucciderlo e a farlo a pezzi. Ma non è ancora abbastanza: la coppia di anziani, sotto pressione della polizia, ha confessato anche di aver ucciso la figlia e il genero diversi anni fa, allo stesso modo.

Khorramdin si è laureato in cinema presso l’Università di Teheran nel 2009, quindi si è trasferito a Londra, dove ha vissuto per alcuni anni. Tornato in Iran, si è dedicato all’insegnamento. Non si era mai sposato, e questo aveva creato disagio nei suoi genitori, anche perché frequentava molti dei suoi studenti. Il suo corpo, fatto a pezzi, è stato trovato per caso in una valigia e in sacchi della spazzatura gettati in un bidone della spazzatura a Ekbatan, un sobborgo di Teheran. I carabinieri sono riusciti a identificarlo grazie alle impronte delle sue mani, troncate e ritrovate insieme agli altri resti.

Quando sono andati a casa dei loro genitori – Iran Khorramdin, 74 anni, e Akbar Khorramdin, 81 – la polizia ha trovato prove del crimine e la coppia alla fine ha confessato. Senza mostrare alcun pentimento. Al contrario, suo padre ha raccontato dettagliatamente quanto accaduto: “Era venerdì sera quando sua madre ha cucinato il pollo e lo ha imbottito di sonniferi per fargli perdere la testa. Ma non l’ha mangiato e si è addormentato, quindi abbiamo messo il cibo in frigo. Il giorno dopo si è svegliato e ha mangiato “e si è addormentato. A quel punto i due lo hanno legato a una sedia, gli hanno messo un sacchetto di plastica sulla testa e lo hanno pugnalato più volte. Dopo aver smembrato il corpo in bagno, l’hanno buttato via e buttato nella spazzatura.

READ  Ci sono notizie sull'esplosione di Nashville

Durante l’interrogatorio, i due hanno anche confessato di aver ucciso la loro figlia diversi anni fa, perché dicono che faceva uso di droghe, e poi il loro genero, perché era violento. Nessun segno di rimorso da parte dei due anziani. Il padre, in udienza, ha detto: “Non mi pento di quello che ho fatto con la collaborazione di mia moglie. Erano corrotti e ringrazio Dio”.

L’omicidio è generalmente un reato capitale in Iran, ma le persone che uccidono i propri figli rischiano fino a 10 anni di carcere. I genitori di Khorramdin, scrive il Custodetuttavia, rischiano la pena di morte se vengono processati per l’omicidio del genero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *