Israele arresta due palestinesi per aver sparato alla guardia della Cisgiordania |  All’estero

Israele arresta due palestinesi per aver sparato alla guardia della Cisgiordania | All’estero

AGGIORNAREDue palestinesi sono stati arrestati venerdì per aver sparato e ucciso una guardia israeliana che si era assicurata l’accesso alla Cisgiordania occupata vicino all’insediamento di Ariel.

Le autorità “hanno arrestato i terroristi che hanno compiuto l’attacco terroristico mortale”, hanno affermato sabato le forze di difesa israeliane. “Abbiamo anche confiscato le armi che hanno usato nell’attacco”, ha detto l’esercito su Twitter.

L’esercito israeliano ha riferito venerdì che i terroristi sono arrivati ​​all’ingresso della città e hanno sparato alla guardia nella sua sentinella. I soccorritori hanno confermato che l’uomo sulla ventina è morto per le ferite riportate.

Inizialmente gli aggressori sono riusciti a fuggire a bordo di un’auto in fuga. I militari hanno subito avviato le ricerche degli autori. Per questo motivo le strade della zona sono state chiuse. I due sospetti sono stati arrestati dopo una caccia all’uomo durata circa 20 ore, secondo quanto riportato dal Times of Israel.

Rappresaglie

Hamas, che opera a Gaza, ha salutato l’attacco alla guardia israeliana come una “operazione eroica per concludere il mese islamico del Ramadan”. In una dichiarazione, il portavoce di Hamas Hazem Qassem ha parlato di ritorsioni a seguito dei rinnovati scontri tra palestinesi e polizia israeliana intorno alla moschea di al-Aqsa nella Gerusalemme est occupata. 42 persone sono rimaste ferite venerdì, 22 delle quali hanno dovuto essere ricoverate in ospedale.

Altrove in Cisgiordania, nella città di Azzun, un uomo è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco da soldati israeliani venerdì, secondo il ministero della Salute palestinese. Non è chiaro se i due attacchi mortali siano correlati.

READ  Il primo ministro ungherese Orbán teme di chiudere il rubinetto del denaro dell'UE e va su tutte le furie

Decine di persone sono state uccise in violenze reciproche dalla fine di marzo. La tensione è stata alta dall’inizio del Ramadan e ci sono stati disordini anche intorno a Pasqua e Pasqua. Martedì, un palestinese è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dall’esercito israeliano durante un raid in un campo profughi in Cisgiordania.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *