Carlo Ancelotti è il primo allenatore a diventare campione nelle 5 migliori competizioni: “Ne sono molto orgoglioso” |  premier League

Carlo Ancelotti è il primo allenatore a diventare campione nelle 5 migliori competizioni: “Ne sono molto orgoglioso” | premier League

Carlo Ancelotti ha coperto completamente il suo cartellino grazie al titolo con il Real Madrid. L’italiano ha giocato come primo campione in Italia, Francia, Germania, Inghilterra e Spagna.

Campione in cinque grandi competizioni?

L’attuale elenco dei migliori allenatori europei includerà raramente il nome di Carlo Ancelotti, ma piuttosto quello di Jürgen Klopp, Pep Guardiola o Julian Nagelsmann.

Ma il record dell’italiano è strepitoso, non solo da giocatore (comprese 2 vittorie in Coppa dei Campioni I con il Milan), ma sicuramente anche da allenatore.

Ancelotti è già campione in Inghilterra (con il Chelsea), in Italia (con il Milan), in Francia (PSG), in Germania (Bayern) e ora in Spagna (con il Real). Ha vinto anche la Champions League 3 volte (2x con il Milan e 1x con il Real).

“Sono molto orgoglioso di essere diventato il primo allenatore a diventare un campione nelle prime 5 competizioni”, afferma Ancelotti. Vincere un titolo con il Real Madrid è molto speciale, soprattutto se puoi festeggiare al Bernabeau”.

Ancelotti può anche aggiungere una quarta vittoria assoluta in Champions League più avanti in questa stagione. “E’ stata una lunga stagione, ma la sto sfruttando al meglio”.

Quasi cancellato

In base alla sua rosa, il successo di Carlo Ancelotti al Real Madrid potrebbe non essere inaspettato, ma un anno fa le cose erano completamente diverse.

Esattamente un anno fa, Ancelotti si stava preparando per la partita casalinga dell’Everton contro l’Aston Villa. Una partita tra i numeri otto e nove in Premier League.

Ancelotti – allora 61enne – sembrava pian piano ‘chiudere la carriera’. Si era ritrovato nel mezzo dell’Inghilterra dopo essere stato esonerato dai suoi due club precedenti, Napoli e Bayern Monaco. In entrambi i club i giocatori si erano lamentati dell’italiano.

I giocatori erano abituati a sfide più tattiche e a un calcio emozionante dopo rispettivamente Maurizio Sarri e Pep Guardiola.

Carlo Ancelotti ha avuto per anni la reputazione di essere un manager del popolo e non un maestro tattico. Anche se era completamente diverso all’inizio dei suoi 30 anni di carriera da allenatore. Probabilmente oggi il giovane Zinedine Zidane ha avuto un ruolo chiave nell’identità di Ancelotti.

Da “solo non allenatore” alla Juventus…

Il primo maestro di Carlo Ancelotti come formatore fu il famoso Arrigo Sacchi. A metà degli anni ’90 Sacchi era l’allenatore della nazionale italiana, Ancelotti il ​​suo assistente. Per Sacchi il sistema tattico era fondamentale. Roberto Baggio ha dovuto giocare contro la sua volontà da attaccante e non da numero dieci perché ha difeso troppo poco.

Da bravo studente, Ancelotti ha dato risalto anche alla tattica quando poi è diventato capo allenatore della Reggina e del Parma.

Fino a quando non è finito alla Juventus e ha visto Zinedine Zidane all’opera.

Per la prima volta rinunciò ai principi tattici di Sacchi, in cui non c’era posto per un numero dieci tradizionale, per brillare una stella. Non è stato un successo. Durante le sue due stagioni con la Juventus tra il 1999 e il 2001, Ancelotti è stato bollato come ‘poco meno di allenatore’ per non aver vinto la Serie A con un pacchetto costellato di stelle tra cui Zidane, Del Piero, Inzaghi, Van der Sar,…. †

…al miglior manager delle persone

Carlo Ancelotti ha avuto una seconda possibilità nel club in cui è cresciuto da giocatore. Il presidente milanese Silvio Berlusconi voleva solo una cosa ed era vincere dei premi.

Si è quindi occupato delle star: Seedorf, Shevchenko, Kakà, Rivaldo, Inzaghi, Gattuso, Pirlo, ….

Nella sua terza stagione, Ancelotti ha vinto il suo primo titolo in una grande competizione europea come allenatore. Quel primo (e finora unico) titolo in Italia con un pacchetto costellato di stelle era apparentemente una lettera motivazionale sufficiente per i club di tutta Europa.

Riuscire a guidare un gruppo di stelle e fargli vincere premi è una qualità a cui sono molto sensibili il ricco russo Roman Abramovich, poi Nasser Al-Khelaïfi e poi Florentino Perez.

Con il Chelsea, l’italiano ha vinto il titolo e la FA Cup nel 2010 con Lampard, Ballack, Drogba, Anelka, Shevchenko, Deco,…

Al PSG ha vinto il primo titolo dall’arrivo dei soldi del Qatar nel 2013 con Ibrahimovic, Thiago Silva, Lavezzi, Beckham, Verratti, Pastore, ….

E nella sua prima stagione al Madrid, è stato immortalato dall’attesissimo ‘La
Decima”, conquistando per la decima volta la Champions League con Ronaldo, Bale, Benzema, Isco, Xabi Alonso, Kakà, Modric, …. .

Quando è diventato campione di Germania con il Bayern nel 2017, era già l’unico allenatore a vincere il titolo in quattro delle prime cinque competizioni europee. Mancava solo la Spagna.

Padrone del risultato

Torna all’anno scorso. Il 1 giugno 2021, l’Everton invierà al mondo il messaggio ufficiale: “Carlo Ancelotti dice addio al suo lavoro di allenatore per tornare a essere allenatore del Real Madrid”.

“Se un altro club avesse chiamato avrei detto di no”, ha detto Ancelotti.

Sa meglio di chiunque altro che non c’è posto migliore nel mondo del calcio per rimandare il suo “fine carriera” con le sue specifiche qualità di allenatore.

Il Real è il club in cui allenatori tattici come Rafa Benitez e Jose Mourinho non sono riusciti a lasciare il segno negli ultimi dieci anni, ma allenatori come Ancelotti e Zidane hanno vinto premi.

A 62 anni, Ancelotti non cerca più di stare al passo con il calcio moderno della nuova generazione di grandi allenatori. Né offensivo né difensivo, è franco. Non parcheggia l’autobus, ma non lascia influenzare nemmeno la sua squadra.

Carlo Ancelotti è il maestro del risultato. Pep Guardiola (9) e Jose Mourinho (6) hanno vinto più titoli nelle prime cinque competizioni europee messe insieme, ma come le sue squadre Ancelotti è molto più efficiente: ora ha vinto esattamente 1 in ciascuna delle prime 5 competizioni.

READ  Fonseca va controcorrente - Forzaroma.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *