Israele ha bombardato il porto della città siriana di Latakia, afferma la stampa siriana

Martedì mattina, la stampa siriana ha riferito che poche ore prima Israele aveva effettuato un bombardamento aereo sul porto di Latakia, città costiera della Siria occidentale. L’agenzia statale siriana Sana ha mostrato i container in fiamme e ha affermato che contenevano olio motore e pezzi di ricambio per auto e altri veicoli. Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, organizzazione che da tempo monitora quanto accade in Siria ed è molto critica nei confronti del regime di Bashar al-Assad, i container contenevano però armi e munizioni. sono esplose “in potenti esplosioni che sono state udite in tutta la città di Latakia e nei suoi dintorni”.

Israele, come al solito, non ha commentato la notizia, né confermandola né smentendola. Tuttavia, è probabile che l’attacco sia stato effettuato dalle forze israeliane.

Infatti, negli ultimi anni Israele ha ripetutamente bombardato obiettivi in ​​Siria che considerava una minaccia alla sua sicurezza nazionale, ad esempio armi dirette contro Hezbollah, un gruppo sciita libanese radicale nemico di Israele. Tuttavia, non capita spesso che gli attacchi siano diretti contro Latakia, città a maggioranza preponderante alawita (ovvero la stessa comunità di cui fa parte Assad), che anche nei momenti più duri della guerra, era sempre rimasta saldamente sotto la tutela del regime siriano .

Se confermato, sarà il secondo attacco israeliano di questo tipo in Siria nell’ultimo mese.

READ  Covid, sopraffatta l'Europa. In fretta in quasi tutti i paesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.