Jochem Myjer critica ferocemente il capo del teatro dopo aver interrotto la performance di Kamps: “Non è permesso.  Mai’ |  mostrare

Jochem Myjer critica ferocemente il capo del teatro dopo aver interrotto la performance di Kamps: “Non è permesso. Mai’ | mostrare

Un punto basso per il comico Wart Kamps quando si è esibito a Duiven il mese scorso. Secondo il regista, il suo spettacolo di prova al centro culturale De Ogtent è così brutto che sale sul palco e interrompe lo spettacolo. E sta andando nella direzione sbagliata con il comico Jochem Myjer, dice Myjer.

Processo Kamps nell’Ogtent finisce su un divano. “La performance è stata rigida, ci sono state poche risate e ho visto molti malintesi”, ha ricordato Kamps a NRC. “In questa scena in cui interpreto Dio, una donna si è allontanata con fermezza. Così ho detto: ‘Ehi, non scappare quando Dio parla’.

Quindi Chris van de Ven, regista di De Ogtent e co-programmatore degli spettacoli, sale sul palco per interrompere lo spettacolo.


Citazione

Un regista non dovrebbe mai farlo. Mai. Non importa quanto sia brutto uno spettacolo

Jochem Myjer, attore

“Fermare un’esibizione, non lo fai o non è saggio farlo. Non devi dirmelo», disse il Duivenaar. “Così sono salito sul podio con un guinzaglio nelle scarpe. Ma doveva succedere qualcosa. È stato così brutto che ho pensato: non si può più fare. Metà della stanza era già vuota e quando sono andato avanti, un altro l’orda è esplosa. La verruca ha rotto il limite inferiore assoluto quella notte. Non è stato doloroso o altro, solo miserabile “, ha detto Van de Ven.

“Non irrompere mai”

Un’azione completamente sbagliata da parte del boss del teatro, scrive Jochem Myjer su Twitter. Un regista non dovrebbe mai farlo. Mai. Non importa quanto sia brutto uno spettacolo. Allora spiegalo. Dai loro dei soldi. Spiega loro che questo può accadere a teatro. Ma non irrompere mai.

READ  Gf Vip 6, Lulù sciolto con Jessica Selassié (e c'entra Alessandro Basciano)


Citazione

Ma questo dice di più sulla persona che se ne va che sull’artista

Jochem Myjer, attore

“Nemmeno se scappano 300 persone?” chiede un follower di Myjer su Twitter. “No, non ancora”, risponde Myjer. “Allora vattene e parla con quei 300 uomini. Ma non interrompere l’artista. Anche un insulto per le persone che stanno ferme e apprezzano.


“Puoi sempre andartene se pensi che qualcosa sia troppo serio o ti offendi. Ma questo dice di più sulla persona che se ne va che sull’esecutore. Quello che fai con un insulto o un cattivo umore dipende interamente da te.

“È il suo teatro, ma non il suo spettacolo!

“Ma dopotutto è il suo teatro, e ne ha la responsabilità nei confronti dei suoi ospiti”, dice qualcun altro, rispondendo al clamore. Anche allora, secondo Myjer, vale quanto segue: non interferire. “È il suo teatro, ma non il suo spettacolo! Se qualcuno sta giocando a calcio e fa una scivolata che rompe l’erba, non interviene neanche il dirigente della squadra di casa.

“Preferisco lasciarmi alle spalle il caso, perché la situazione ha conosciuto solo perdenti. Dopo che non ero assolutamente contento di come sono andate le cose quella sera, non è appropriato interrompere un’esibizione. È sempre responsabilità dell’artista stesso. Sostengo la mia performance e utilizzo una corsa di prova per modificare e testare quali scene funzionano bene e quali no. Inoltre, è stato molto fastidioso per i visitatori che hanno trascorso una buona serata.

READ  Frank Dane torna a Radio 538 dopo una brusca fine dello spettacolo | Stelle

Commento può essere trovato in fondo a questo articolo. Solo commenti con a cognome e nome sono situati. Lo facciamo perché vogliamo un dibattito con persone che si battono per quello che dicono, e quindi ci mettono il loro nome. Coloro che devono ancora inserire il proprio nome possono farlo cliccando su ‘Accedi’ in alto a destra nel nostro sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *