Joey Alders: “Devo aver scritto 200 volte che non mi era permesso rispettare i limiti della pista”

Joey Alders: “Devo aver scritto 200 volte che non mi era permesso rispettare i limiti della pista”

Oltre a Max Verstappen, anche i limiti della pista hanno dominato il Gran Premio d’Austria. Il campione asiatico di Formula 3 2020 Joey Alders ha disimparato a superare i limiti della pista in un modo molto speciale e a Ciao fan del GP condivide la storia.

I limiti della pista sono stati l’argomento di conversazione per tutto il fine settimana allo Spielberg. Ci hanno pensato quindi i marescialli, perché alla fine si è scoperto che erano stati superati complessivamente circa 1200 limiti di pista. Ciò significa che mancavano ancora ore al risultato della gara e lo sport non è andato bene. I conducenti cercano semplicemente il bordo e lo superano regolarmente e, secondo Alders, tale responsabilità ricade semplicemente sul conducente.

Le regole sono le regole

“È molto semplice. Queste sono le regole e devi solo rispettarle. I limiti della pista sono qualcosa che impari già in Formula 4. Li avevo io stesso in Formula 4 al Van Amersfoort Racing”, sottolinea il 23enne autista alle lezioni apprese. “L’ho avuto anche in qualifica nella mia prima stagione all’Hockenheimring. Alla prima curva andavo sempre largo durante le qualifiche e il mio team manager, ma anche il mio ingegnere, non ne erano molto contenti”.

Seguì la soluzione di Verstappen

Anche Alders ha usato il trucco che alla fine ha funzionato per Verstappen. “Frits van Amersfoort mi ha detto: ‘Come è stata gestita in passato, anche con Max Verstappen, quando era ancora con Van Amersfoort. Aveva semplicemente scritto duecento volte: non ho il diritto di prendere i limiti della pista.’ Quella notte ero nella mia camera d’albergo e mi sono detto: lo farò, l’ho scritto duecento volte e l’ho dato a Frits van Amersfoort e il giorno dopo abbiamo avuto la seconda qualifica per avere una traccia catturata limite”, ha detto Alders.

READ  Juventus, dure critiche anche da un ex presidente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *