Le università vogliono concentrarsi meno sui ranking internazionali

Le università vogliono concentrarsi meno sui ranking internazionali

Dal nostro editore

Le università olandesi devono allontanarsi ulteriormente dalle classifiche internazionali che valutano le loro prestazioni. A breve termine non dovrebbero più utilizzare le graduatorie per la valutazione della didattica e della ricerca.

Questa è la conclusione di un comitato di esperti incaricato dall’Associazione delle università olandesi (UNL) di condurre ricerche su questo tipo di elenchi. L’associazione universitaria afferma in una risposta che adotterà “in gran parte” le raccomandazioni del comitato.

Le classifiche universitarie, basate sui dati della ricerca e dell’istruzione, sono state criticate per qualche tempo per aver fornito un quadro quantitativo unilaterale della qualità e del carattere delle università o per non essere sufficientemente trasparenti riguardo alla loro valutazione. Le classifiche influenti sono le Classifiche universitarie del Times Higher Education WorldIL Classifiche QS Word University e il cosiddetto Classifica Shangai.

Le università ora utilizzano questi elenchi principalmente per commercializzare e reclutare studenti. Le critiche alla sua qualità hanno portato alla creazione di un gruppo di esperti composto da ricercatori, consulenti politici e il responsabile del marketing di un’università nel 2020. In Classifica universitaria giunge a conclusioni certe sulla qualità “discutibile” delle liste e sul modo “opportunistico” con cui le università le trattano.

Da un punto di vista metodologico, secondo il parere, le classifiche oscillano perché associano un “punteggio totale unidimensionale” alla ricerca, all’insegnamento e ad altri risultati di un’università, come il successo sul mercato del lavoro o l’ottenimento di premi. Le graduatorie “sostengono falsamente di poter riassumere in un unico numero il rendimento di un ateneo”. Le scelte su come i diversi compiti accademici dovrebbero essere soppesati separatamente e insieme rimangono “arbitrari e discutibili”.

READ  Questo vivaio colorato è un terreno fertile per le stelle

Inoltre, le università trattano “opportunisticamente” le liste. Gli amministratori li criticano, ma allo stesso tempo li adottano per il marketing della loro istituzione. Secondo il gruppo di esperti, un tale “salto tra il rifiuto e l’avanzamento” è sempre più difficile da difendere.

Il panel sostiene un “cambiamento culturale” in più fasi. A breve termine, le università sarebbero ancora autorizzate a utilizzare le prime classifiche per scopi di marketing, ma con una menzione dei loro limiti e non più nelle valutazioni della didattica e della ricerca. Le università devono essere trasparenti anche sui dati che forniscono alle graduatorie. L’uso delle classifiche da parte del governo dovrebbe essere scoraggiato. L’avviso afferma che è notevole che anche i politici e i responsabili politici siano “utenti significativi”.

Le università adottano “ampiamente” queste raccomandazioni, secondo l’UNL, ma aggiunge che le istituzioni stesse devono determinare il ritmo con cui le mettono in pratica. L’UNL sottolinea inoltre che il consiglio si riferisce a classifiche, che valutano le università nel loro insieme. Le istituzioni possono continuare a utilizzare elenchi basati su materie o discipline, se “si adattano alla strategia dell’università o della disciplina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *