Juve, Allegri: ‘Coppa Italia bevuta subito. Ci saranno cambiamenti, abbiamo solo un difensore centrale’ | Prima pagina

Nessuna conferenza stampa, Max gioioso presenta la sfida di Coppa Italia ai microfoni di Televisione Juventus.

COPPA ITALIANA – “Bisogna provare ad andare ai quarti di finale perché la Coppa Italia è un traguardo della stagione. Sarà una partita difficile, se la si affronta in un certo modo sarà più facile. L’Italia di Coppa Italia conta molto perché è un obiettivo. All’inizio non interessa a nessuno, poi inizi a giocare i turni che contano e interessa a tutti. Domani devi concentrarti su questo. La Samp ha cambiato allenatore e dobbiamo stare ancora più attenti. Stiamo uscendo da una periodo di partite intense dopo due o tre giornate, dobbiamo fare un ultimo sforzo perché poi avremo cinque giorni per prepararci al big match di San Siro.I quattro trofei li porto tutti e quattro nel cuore, ma con la Lazio abbiamo vinto in modo fortunato perché se non sbaglio il doppio palo della Lazio e siamo passati dall’altra parte e se non sbaglio ha segnato Matri. Forse è stato il primo ma sono tutti belli da ricordare”.

STATO – “Ci saranno rotazioni perché comunque con l’Udinese ne avevamo cambiate sei rispetto alla partita contro l’Inter. Domani mattina valuterò bene. Dietro De Ligt è squalificato, Chiellini a metà servizio e Bonucci non c’è, quindi dovrò decidere con chi giocare centrale”.

SAMPDORIA – “Più che un cambio sarà una partita d’orgoglio perché quando c’è il cambio di allenatore anche se non è arrivato quello che sostituirà D’Aversa, a cui auguro grande coraggio, perché quando succedono queste cose è sempre peccato, sta a noi fare la partita giusta, aggressiva e bella, loro davanti hanno buoni giocatori come Quagliarella, Gabbiadini e Caputo che sono molto pericolosi quindi bisogna essere bravi in ​​campo in fase difensiva come una squadra abbiamo un solo difensore centrale a disposizione e dovremo dare una mano”.

READ  Federazione Russa arrabbiata per aver spostato la finale di Champions League a Parigi

ULTIMA PARTITA – “Ha detto quello che ho visto durante la partita. Abbiamo giocato un primo tempo da squadra matura con pazienza in attesa di segnare e senza concedere nulla all’Udinese. Nella ripresa abbiamo avuto dieci minuti in cui abbiamo rischiato qualcosa, può esserci perché ci sono gli avversari ma bisogna avere un atteggiamento diverso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.