Kjaer: “Vorrei chiudere la mia carriera al Milan. Su Ibrahimovic ..”

Simon Kjaer (difensore AC Milan), qui durante Milan-Bodø / Glimt 3-2 (qualificazioni Europa League 2020-2021) | Notizie dal Milan (Getty Images)

Kjaer, l’intervista del danese a Milan TV

Simon Kjaer, Difensore centrale del Milan, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Milan TV. Ecco cosa ha detto: “La differenza tra il Kjaer di oggi e quello del passato? Penso all’esperienza, soprattutto al viaggio nel calcio. In tutte le esperienze che ho avuto, ho sempre avuto una mente aperta, per imparare ovunque mi trovassi. Soprattutto invecchiando, in Spagna e in Germania, ho imparato i mezzi per difendere in questo tipo di campionato ”.

Sul calcio italiano: “L’ho trovato più moderno, più attivo. Ci sono molte più partenze e azioni dinamiche. Prima c’erano più squadre che andavano e venivano, ora ci sono squadre con un calcio più dinamico ”.

Sul calcio di oggi “Secondo me le qualità tecniche e fisiche di ogni squadra sono aumentate. Se non press bene, le squadre in campo trovano spazio. C’è qualcosa da godere in ogni situazione. Se le squadre partono da dietro vuol dire che le avversarie sono molto alte ”.

Sui giocatori da evitare: “Non ho mai avuto quel pensiero. La mia più grande motivazione era giocare contro i più forti, e lì vedi il tuo livello. Per me è il massimo del calcio. Ecco perché mi alzo la mattina ”.

Sullo scudetto: “Penso che dobbiamo crederci, con il giusto stato d’animo. Siamo i primi. Il nostro obiettivo era prendere ogni partita come una finale e prepararla nel miglior modo possibile. La strada è ancora lunga e complicata, ma alcuni tifosi del Milan credono in questa possibilità ”.

READ  decide anche le sostituzioni e quando giocare

A proposito di Pioli: “Dal primo giorno mi sono avvicinato e ho subito chiesto ‘Come stai? “. Da quel giorno, il nostro rapporto è cresciuto. Se mi dice qualcosa, lo faccio. Mi ha dato quella sicurezza che mi ha calmato. Ha il suo modo di suonare, ma se gli dico qualcosa mi ascolterà. Ha una testa molto aperta per renderci migliori ”.

Su Donnarumma: “Gigio è davvero cresciuto. Dà al team molta sicurezza. Avere un tutore di cui ti fidi è molto importante. So che se mi sbaglio, è lui a coprirlo. Ti dà la forza di giocare un po ‘più aggressivo e presto ”.

Sulla sorpresa di quest’anno: “Forse Gigio. Sapevo che era forte, con un grande potenziale, ma nella mia carriera ho sempre giocato con portieri leggermente più grandi. È un piacere giocare con lui ”.

A proposito di Milanello: “È difficile da spiegare, non è un centro sportivo qualsiasi. C’è un’atmosfera magica. Sono certo che quando non sarò più al Milan penserò all’impressione che mi ha dato Milanello ”.

Sulla crescita della squadra rossonera: “La fiducia nella squadra è aumentata. La cosa migliore è che stiamo imparando sempre di più ”.

Sulle rivali per lo scudetto: “La Juve è ancora Juve, ha grandi giocatori. Anche il Napoli. Come ho detto all’inizio, sono in ritardo e noi siamo i primi, quindi devi pensare a noi. Oggi il campionato è più difficile, ma se facciamo del nostro meglio, e con un po ‘di fortuna… è importante affrontare le partite una alla volta ”.

Il tuo Ibrahimovic: “Ibra ha 39 anni, non ancora 40 (ride, ndr). È difficile spiegare che aspetto abbia Ibra. Il suo modo di lavorare, la sua mentalità, non li ho mai visti in carriera. Una cosa che sappiamo tutti è che il suo obiettivo è vincere. È solo per guardare Ibra, pochi giocatori arriveranno a 40 così ”.

READ  Mancini in coda alla macelleria, l'eleganza della normalità (e grazie a lui le Marche sono piene di turisti) - Corriere.it

Su Ibrahimovic e Mandzukic: “Non sono una coppia facile per i difensori. Possono fare molte cose insieme. Mario è uno che è sempre sicuro, non lascia mai un criterio “.

Sulla leadership: “Qualunque cosa tu faccia, fallo con il giusto stato d’animo. Quando vinci le partite e ti senti bene in campo, le cose diventano più facili. Questa è una delle cose che la società mi ha chiesto di fare. “

Sul gruppo: “Il gruppo è fantastico, vogliono lavorare. Sono serio e faccio il mio lavoro. Piano piano siamo sulla strada giusta, tutti insieme. Sono molto felice qui a Milano ”.

Sul suo zero gol in maglia rossonera: “Non credo che i gol di punizione ci saranno. Non sono uno specialista, ma mi sto allenando, anche se ora mi sto concentrando su qualcos’altro. Ovviamente voglio segnare il mio primo gol, ma sono pur sempre un difensore ”.

Sull’Italia: “Mi piace lo stile di vita. La pasta semplice è ben fatta. È difficile trovare un brutto posto in Italia, e mi sta a cuore. Sto bene in Italia ”.

Nel tempo libero: “Sono con i bambini. Li porto a scuola, li vado a prendere e sto con i miei figli e mia moglie. Peccato per il momento, Milano è una città magnifica ”.

A proposito del futuro: “Rimani qui il più a lungo possibile. Vorrei chiudere la mia carriera al Milan, ma nessuno saprà tra 4 anni come sarò. Voglio vivere il momento, quindi vediamo cosa dice il futuro “.

Non solo Kjaer, ma anche calciomercato: il Milan pensa a un’ala offensiva. VAI ALLE NEWS >>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *