La banda di bambini che uccide un uomo accusato di pedofilia

Redazione
21 novembre 2020 06:59

Il 28 ottobre, un insegnante in pensione di 73 anni, Jan Kruitwagen, è stato avvicinato in una chat gay e attratto da un appuntamento al buio in un parco ad Arnhem, nei Paesi Bassi, per un incontro sessuale. L’uomo è stato picchiato brutalmente ed è morto poco dopo per le ferite riportate. La storia, riportata in precedenza da Giornali olandesi poi gli inglesi, è raccontato oggi da Corriere della Sera. E c’è qualcosa di eccezionale in questo perché a quanto pare l’uomo è stato ucciso da un gruppo di bambini che perseguitano i pedofili per punirli.

Jan Kruitwagen: la banda di bambini che uccide l’uomo accusato di pedofilia

Secondo le indagini, Kruitwagen è stato catturato da ragazzi che fingevano di avere 15 anni in una chat room gay e hanno invitato l’ex insegnante a un incontro nel parco. L’uomo sapeva che avrebbe dovuto incontrare un bambino, hanno detto gli investigatori, ma non ci sono prove del suo precedente abuso sessuale. Il pensionato è arrivato alla riunione del 28 ottobre dove non ha trovato nessuno, poi è stato seguito a casa dalla banda (composta da sette adolescenti) che lo ha picchiato. Poi è morto per le ferite riportate in ospedale. Il Daily Mail riporta che uno degli avvocati dei sette ragazzi arrestati ha detto ai media locali che il suo cliente era coinvolto nella “sorveglianza” perché si era annoiato durante il blocco.

Sei dei sette adolescenti arrestati hanno meno di 18 anni. Due di loro sono stati portati in prigione, mentre un altro avvocato ha detto che i ragazzi non avevano un piano premeditato e volevano solo “ dargli una lezione ”, suggerendo che l’uomo fosse morto per una caduta . L’avvocato Jamil Roethof ha detto al quotidiano nazionale De Gelderlander che i ragazzi non avevano un piano premeditato per attaccare Kruitwagen e volevano solo affrontarlo. Ha suggerito che il pensionato è morto per una caduta. Da luglio ad oggi, secondo il quotidiano olandese Algemeen Dagblad, la polizia ha registrato 250 casi di aggressioni online o di persona da parte di gruppi di vigilantes.

READ  Coronavirus: il Portogallo inasprisce le restrizioni - Ultime notizie

250 cause giudiziarie fai-da-te nei Paesi Bassi da luglio

Quindi questi non sono altri episodi isolati. Il Corriere della Sera riporta che lo scorso fine settimana nella provincia della Zelanda un sospetto aggressore è stato aggredito ed è finito in ospedale, mentre un altro ha visto la sua foto ei suoi dati personali pubblicati sui social media. .

I gruppi sull’argomento stanno proliferando su Facebook, alcuni, come “Pedohunters NL” e “pedophiles unmasked”, hanno migliaia di follower, per lo più giovani, attratti dall’idea di far parte di una piccola comunità che lavora per il “bene comune”. Il coronavirus ha moltiplicato il numero di persone che trascorrono il loro tempo online alla ricerca di qualcosa da fare e potrebbero forse essere coinvolte nella rete di teorie del complotto come quella di QAnon.

Lo scorso fine settimana, ex studenti, colleghi e amici della Kruitwagen hanno tenuto una veglia per l’insegnante in pensione, mentre il sindaco di Arnhem, Ahmed Marcouch, ha definito l’omicidio un “crimine mostruoso”. Le veglie dicono che stanno agendo per proteggere i bambini, ma gruppi simili in Gran Bretagna hanno portato a suicidi e aggressioni contro coloro che sono stati presi di mira.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *