La Camera chiama l’Ucraina per la carestia genocidio

La Camera chiama l’Ucraina per la carestia genocidio

Sembra esserci movimento in una proposta per l’adesione accelerata dell’Ucraina alla NATO. Un ostacolo significativo è stato superato, perché il più grande stato membro della NATO, gli Stati Uniti, lo sostiene. Se dipendesse da Washington, l’Ucraina potrebbe mettere in prospettiva una procedura urgente per l’adesione alla NATO al vertice della NATO a Vilnius il mese prossimo, secondo il Washington Post da funzionari anonimi.

I ministri della NATO si sono incontrati venerdì a Bruxelles per discutere una proposta del capo della NATO Jens Stoltenberg per consentire all’Ucraina di entrare senza bussare. Al paese dovrebbe essere consentito di saltare il consueto portale per l’adesione (in gergo: il Piano d’azione per l’adesione). La Macedonia ha dovuto sudare e riformarsi in questa solita anticamera per 20 anni prima di essere ammessa nel 2020.

Tutti i 31 membri devono essere d’accordo. Oltre agli Stati Uniti, anche la Germania sembra positiva. Anche l’Ucraina dovrebbe attuare le riforme, ma secondo il piano può aderire subito dopo, (quasi) non appena lo ha fatto la Finlandia ad aprile. Sempre che la guerra con la Russia sia finita per allora.

L’Ucraina e alcuni paesi dell’Europa orientale vedono questa proposta solo come un premio di consolazione. Perché se dipende da loro, la NATO deve garantire all’Ucraina che le sarà comunque permesso di aderire entro un certo periodo di tempo. Ma la maggior parte degli Stati membri della NATO non è disposta a farlo per paura che la NATO diventi immediatamente parte della guerra in Ucraina.

Punti focali sul davanti

Lontana dal fronte diplomatico, questa guerra è ancora in un vicolo cieco, nonostante i combattimenti duri e sanguinosi che ora infuriano in vari luoghi. Uno dei punti focali è ancora Bachmoet. Ma la maggior parte dell’attenzione è concentrata su ciò che si trova più a sud ea ovest, vicino alle città di Velyka Novosilka e Orichiv.

READ  Afghanistan, ritrovato e scomparso neonato dato ai soldati americani durante l'evacuazione di Kabul - Corriere.it

La battaglia riguarda davvero il controllo del ponte di terra verso la Crimea. L’Ucraina vuole incidere lì, quindi la strada passerà probabilmente per l’importante crocevia di Tokmak e Melitopol. Il presidente russo Putin ha dichiarato la scorsa settimana che la controffensiva ucraina è fallita. Piuttosto prematuro, in quanto gli attentati al momento mirano a trovare punti deboli nelle linee russe.

Queste linee, piene di barricate, campi minati e truppe trincerate, sono difficili da conquistare. La Russia ha rinforzato il fronte lì con truppe che potrebbero essere ritirate dalla provincia di Kherson dopo l’esplosione della diga di Kakhovka.

grande attacco

Ma l’Ucraina deve ancora schierare la sua forza principale: la domanda è dove sarà il centro di gravità. Per l’atteso grande attacco, secondo le stime (che variano parecchio), kyiv dispone di circa 50.000 uomini, alcuni addestrati in Occidente, divisi in una dozzina di brigate, equipaggiati con sistemi d’arma occidentali.

Un grosso problema per l’Ucraina rimane che non ha la superiorità aerea. Ci sono diligenti consultazioni, sotto la guida olandese, sulla consegna degli F-16. I piloti sono già addestrati, ma non sorvoleranno l’Ucraina per mesi.

L’Ucraina non può schierare molta difesa aerea sul fronte perché le sue città sono quotidianamente attaccate da missili e droni russi. Venerdì è scattato di nuovo l’allarme su Kiev, dove sono stati invitati i leader africani, tra cui il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa. Intraprendono un tentativo di mediazione da cui ci si aspetta poco. (Trouw/Eric Brassem)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *