La commutazione rapida dei media di HDMI non sempre funziona a causa delle diverse implementazioni – Sound and Vision – Novità

Quick Media Switching, parte dello standard HDMI 2.1 che consente a un televisore di regolare la frequenza di aggiornamento senza ritardi o guasti dello schermo, non sempre funziona perfettamente con tutti i dispositivi HDMI. Ciò sembra essere dovuto a diverse implementazioni.

Il tedesco Heise sotto forma della rivista c’t Messaggio su questo problema confermato da Jeff Park di HDMI Licensing. È equivalente a qms fa parte dello standard HDMI 2.1 da molti anni e non sono state apportate modifiche alle specifiche, ma l’organizzazione dietro lo standard HDMI ha incluso un chiarimento di qms nella versione 2.1a. Il corpo lo fa perché la specifica in 2.1 lascerebbe troppo spazio all’interpretazione per i produttori.

Secondo questa rivista, ora sembra che i produttori abbiano affrontato l’implementazione di qms in modo diverso. Di conseguenza, può verificarsi una situazione in cui il lettore multimediale e il display hanno implementazioni diverse, risultando in n stretta di mano si verifica e lo schermo nero riappare.

Tecnicamente, è perché alcuni produttori non usano la frequenza di aggiornamento variabile come base per qms. Vrr regola il frame rate dello schermo in ingresso e questa tecnica avrebbe dovuto essere anche la base di qms secondo la specifica HDMI 2.1. In pratica, questo non è sempre stato applicato. In parte a causa di ciò, ora viene spesso chiamato “qms-vrr”.

Park riconosce che non c’è chiarezza su dispositivi come i ricevitori che sono ancora dotati di qms secondo lo standard 2.1. Non esiste un test ufficiale che dimostri in modo affidabile se l’implementazione soddisfa le specifiche più recenti. È probabile che molti ricevitori con HDMI 2.1 non abbiano ricevuto l’implementazione qms-vrr, quindi la combinazione di un tale ricevitore con, ad esempio, una TV LG 2023 con supporto qms-vrr vrr non porterà al risultato desiderato.

READ  Caltech mostra la prima dimostrazione di energia solare trasmessa in modalità wireless dallo spazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *