La contea di Clark prevede di riaprire le scuole

scuola vuota


È una situazione allarmante, quella che sta emergendo negli Stati Uniti, legata alla chiusura delle scuole a causa della pandemia Covid.

Secondo le autorità Nella chiusura di nove mesi di scuole nella contea di Clark, in Nevada, 18 studenti si sono suicidati adolescenti e pre-adolescenti (il più giovane a suicidarsi aveva solo 9 anni) e 3.100 segnali di allarme sono stati segnalati dal sistema di monitoraggio della salute mentale degli studenti.

Clark è la contea più popolosa dello stato con 2 milioni e 200.000 residenti (e 3/4 dei residenti di Las Vegas) e le scuole all’interno della contea sono state chiuse dallo scorso marzo.

Alla luce della suddetta statistica (che vede i suicidi raddoppiare rispetto all’intero anno precedente, quando le scuole erano aperte e la pandemia non era nemmeno un’opzione), le autorità stanno accelerando l’apertura degli istituti di contea.

Da segnalare, il New York Times, che specifica come la riapertura non riguarderà tutti gli istituti ma le varie classi elementari e gli istituti dei gruppi sociali in maggiore difficoltà.

La regione continua a registrare un altro numero di morti e contagi dovuti al Covid-19 (990 casi ieri, 5 morti) ma anche quello dei suicidi (e della salute mentale assoluta) si sta rivelando un’epoca di emergenza a sé stante.

Come ha detto al NYT il sovrintendente della contea Jesus Jara:

“Quando abbiamo iniziato a vedere l’aumento del numero di bambini che si suicidavano, sapevamo che non erano più solo i numeri Covid che dovevamo guardare. Dobbiamo trovare un modo per mettere le mani sui nostri figli, per vederli, per osservarli. Devono iniziare a vedere movimento, speranza ”.

Il problema della salute mentale dei giovani (e non solo) in relazione alle restrizioni imposte dalla pandemia è un tema trasversale che non riguarda solo il Nevada (e non solo gli Stati Uniti).

READ  "Disastro di Biden. Casa Bianca tra 4 anni? Chissà ..."

Tra le tante storie e aspetti riportati dal NYT, vale la pena sottolineare la storia di un padre texano e di suo figlio di 12 anni, Hayden.

Quattro giorni prima del suo 13 ° compleanno, il ragazzino si è impiccato: gli mancavano i suoi amici, gli mancava il calcio ed è stato chiuso tutto il giorno a giocare a Fortnite.

“Mio figlio è morto a causa del coronavirus. Ma non come pensi “: afferma in un video che è diventato virale.

Successivamente, un breve documentario “Almost 13” è stato creato per raccontare questa drammatica storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *