La critica virulenta del Parlamento all’azione dell’Ucraina Ursula von der Leyen |  Interno

La critica virulenta del Parlamento all’azione dell’Ucraina Ursula von der Leyen | Interno

Von der Leyen ha rilasciato le sue dichiarazioni venerdì. Vuole anticipare di alcuni mesi l’avvio della procedura di adesione, in particolare per l’Ucraina. I critici accusano il presidente della CE di avere una forte dose di simbolismo, oltre a coltivare false speranze. Dopotutto, l’effettiva procedura di adesione richiederà molti anni. Inoltre, secondo i critici, il patrocinio dell’Ucraina non può essere venduto ad altri paesi che sono già in corso.

Il presidente ucraino Zelensky ha espresso il suo desiderio di entrare a far parte dell’UE nel suo discorso alla Camera dei rappresentanti più di una settimana fa. Questo gli è valso una standing ovation da parte dei deputati presenti.

Visita a Zelensky

Von der Leyen ha rilasciato le sue dichiarazioni venerdì durante una visita a Volodimir Zelensky. Ha consegnato al Presidente dell’Ucraina un questionario che è il punto di partenza per la decisione dell’UE sull’adesione all’UE. “Non sarà, come al solito, questione di anni per formarsi questa opinione, ma questione di settimane”.

Con il vice dell’SP Jasper van Dijk, l’azione è andata storta. Ha segnalato la questione per il Tempo delle interrogazioni di martedì prossimo. Vuole sapere dal premier Rutte se è d’accordo con il partito che si tratta di “un’azione sconsiderata”.

“Può essere comprensibile a causa della guerra in cui si trova l’Ucraina, ma ciò che ha fatto von der Leyen è sconsiderato. Si tiene una salsiccia per l’adesione che non sarà riempita per i prossimi dieci anni. Né si può spiegare il trattamento preferenziale agli altri paesi candidati.

Il VVD ha anche visto il momento PR di Von der Leyen con un cenno del capo. “Pensiamo che non sia saggio promettere l’adesione all’Ucraina, perché stai creando l’aspettativa che sarà molto vicino, quando non lo sarà. È un processo con molte condizioni e garanzie. Sono lì per un motivo”, ha affermato il deputato Roelien Kamminga.

READ  Bolsonaro si scusa per la dichiarazione sull'"atmosfera" tra lui e le ragazze adolescenti

Wilders: “È ora che se ne vada”

Il leader del PVV Wilders entra con la gamba destra. Ha definito i commenti di von der Leyen sulla rapida adesione dell’Ucraina all’UE “assurdi e sconsiderati senza senso”.

“E per chi stava parlando? Non è stata eletta da nessuno, non ha mandato e tanto meno buon senso. È ora che si dimetta”.

Secondo gli esperti dell’UE, non è realistico che l’Ucraina diventi membro dell’UE a un ritmo accelerato. L’azione di Von der Leyen è per lo più vista come simbolica. È un processo che richiede molti anni e spetta infine ai 27 Stati membri dell’UE decidere all’unanimità se l’Ucraina debba essere ammessa, non von der Leyen e la Commissione europea (QUESTO).

Ma prima che i 27 paesi dell’UE votino su un possibile candidato all’adesione dell’Ucraina, è necessario il parere della CE. Questo processo richiede normalmente anche da un anno e mezzo a due anni, sebbene nelle norme dell’UE non sia specificato alcun periodo di tempo specifico. Quindi l’UE potrebbe, se davvero lo volesse, scegliere di abbreviare notevolmente il processo. Sarebbe una scelta politica, ma che potrebbe creare un precedente.

Prospettiva

Il vice D66 Sjoerd Sjoerdsma non ha problemi con questo. “Apprezzamento della carriera strategica di von der Leyen. Riconosce che l’Ucraina ha scelto i valori dell’UE e ora sta letteralmente combattendo per loro. Vuole quindi giustamente offrire all’Ucraina una prospettiva europea il prima possibile nelle condizioni esistenti.

Il primo ministro Rutte aveva precedentemente affermato di non essere favorevole a una rotta tagliata dall’UE all’Ucraina. Per lui si tratterà per il momento di “approfondire la collaborazione”.

READ  Migliaia di persone manifestano a Parigi contro l'inflazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *