La famiglia di un britannico nel braccio della morte: date loro un processo equo

La famiglia di un britannico nel braccio della morte: date loro un processo equo

“La nostra famiglia è stata sconfitta dall’esito del processo farsa illegale nella cosiddetta Repubblica popolare”, ha detto la famiglia di Pinner in una dichiarazione citando Reuters. “Shaun merita la protezione offertagli dalle leggi di guerra, inclusa la protezione di consulenti indipendenti. Speriamo sinceramente che tutte le parti coinvolte garantiscano la sicurezza e il rilascio di Shaun”.

prigioniero di guerra

Pinner vive in Ucraina dal 2018 ed è sposata con un’ucraina. Secondo la sua famiglia, avrebbe quindi il diritto di difendere il suo paese come ucraino.

Il ministero degli Esteri russo non è d’accordo, sebbene affermi di non essere parte della causa. Pinner non può rivendicare lo status di prigioniero di guerra perché, in quanto mercenario straniero, non è protetto dal diritto umanitario internazionale.

I media dell’Ucraina orientale suggeriscono che il processo sia andato rapidamente e che sia stata imposta la pena di morte poiché la “Repubblica popolare” di Donetsk vuole il riconoscimento internazionale. Lo otterrebbe se la Gran Bretagna in appello facesse una richiesta formale per il rilascio di Pinner e Aslin. L’esecuzione della pena di morte non sarebbe una priorità.

READ  Le autorità di Mykolaiv avvertono di acqua contaminata a causa del cedimento della diga • 2 feriti nell'attacco ucraino a Kursk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *