La figlia di Tommy è stata rapita in Lituania, sua madre ha chiesto 2 anni di carcere

La figlia di Tommy è stata rapita in Lituania, sua madre ha chiesto 2 anni di carcere

1/2 Yuna e Tommy.

A Tommy Roussen non è stato permesso di vedere sua figlia Yuna per quattro anni. La bambina ora ha sei anni e vive con la mamma Simona in Lituania. I due ci sono andati per una vacanza nel 2019, ma non sono più tornati. Mercoledì pomeriggio, due anni di carcere sono stati chiesti dal tribunale di Den Bosch a Simona per il rapimento della loro bambina. E un’indennità di 15.000 euro.

Foto del profilo di Cor Bouma

Prima che Tommy arrivasse finalmente in tribunale, fece di tutto per vedere sua figlia Yuna. “Ho eseguito numerose procedure, sia in Lituania che nei Paesi Bassi, senza risultato. Ecco perché sono felice di poter finalmente raccontare la mia storia al giudice oggi. E che il mio ex ora è davvero stato citato in giudizio.

Tommy ha persino assunto il giornalista criminale John van den Heuvel per trovare Yuna. In uno spettacolo Kidnapped dell’anno scorso, puoi vedere come Van de Heuvel si riunisce con sua figlia con sua madre e i suoi nonni in una città della Lituania. Tommy può entrare per un momento, ma viene visto con sospetto. “Mi è stato permesso di vedere Yuna in una stanza chiusa a chiave quando ho dovuto consegnare tutti i tipi di oggetti personali.”

L’atteggiamento di mamma Simona e dei nonni è tipico di tutta la vertenza affrontata dal tribunale di Den Bosch. Il loro matrimonio non andava bene da tempo quando Simona è andata in Lituania con Yuna per quattro settimane all’inizio di febbraio. Ma era per pensare o l’aveva deliberatamente pianificato in quel modo? Questa era la domanda chiave.

READ  MotoGP, il GP di Malesia del 24 ottobre salta per il Covid: al suo posto entra Misano

Tommy conosce la risposta: “L’ha pianificato così”, ha detto ai giudici. “È partita il 2 febbraio 2019 e il 14 febbraio Yuna è stata cancellata qui e registrata in Lituania”.

“Yuna ora è diventata lituana, ma tutto in lei era olandese”.

Ciò che è stato doloroso per Tommy è stato che il tribunale lituano in seguito ha dato ragione a lui, ma ha stabilito che era meglio che Yuna rimanesse in Lituania nell’interesse superiore del bambino. Era già radicato lì, anche il verdetto. E questo, secondo il pubblico ministero, è contrario a tutti gli accordi europei.

Anni dopo, il procedimento penale è stato infine contro la madre, che non era presente in tribunale. Il procuratore ha definito il viaggio di sola andata di Simona in Lituania una “grande fuga”. “Quando Yuna non aveva ancora due anni, nel periodo più cruciale dell’attaccamento del bambino ai suoi genitori, Simona ha preso il bambino. Yuna ora è diventata lituana, ma tutto in lei era olandese”, ha spiegato. “I suoi genitori si sono conosciuti qui e hanno sempre vissuto qui. Si sono sposati qui nel 2013 e Yuna è nata nel 2017. Ora Yuna sta diventando ogni giorno sempre più un’estranea per suo padre.

L’avvocato olandese che rappresenta Simona ha concordato con il pubblico ministero che la madre non aveva fatto tutto bene. “Ha fatto troppo poco con le modalità di visita che sono già state stabilite dal tribunale lituano”, ha detto.

Ma secondo l’avvocato, Simona non poteva più vivere a Den Bosch, “Era un inferno per lei senza via d’uscita”, ha detto ai giudici.

READ  Avrei dovuto concludere l'anno dell'auto-retrocessione

“Ha reciso il legame con mio figlio.”

In una dichiarazione emotiva, Tommy ha detto ai giudici che non si sarebbe arreso. “Sono quattro anni che soffro e soffro. Non riesco a vedere mia figlia crescere. Ha tutto questo sulla coscienza. Yuna è stata licenziata qui in due settimane. Ha reciso i legami con mia figlia. Ma lei non ha rimorsi, tutti hanno torto tranne lei.

Dopo la seduta, Roussen si è detto sollevato. “Finalmente ho potuto raccontare la mia storia. E con questo voglio anche dimostrare a Yuna che papà le vuole molto bene. E con questo verdetto in questo caso, chiederò al tribunale lituano di rivedere il verdetto precedente.

“Spero che anche Yuna si adatti a questa nuova famiglia.”

Ogni martedì, Tommy fa una videochiamata con sua figlia in Lituania. Ma intanto anche la sua vita a Den Bosch va avanti. “A Yuna non serve che suo padre pianga in un angolo”, dice Tommy. “Nel frattempo mi sono risposato. E da 10 mesi sono padre di una seconda figlia. Spero che anche Yuna si integri in questa nuova famiglia.

Il verdetto in questo caso è il 3 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *