La Finlandia considera la recinzione di confine: come l’Europa sta diventando più recintata |  ADESSO

La Finlandia considera la recinzione di confine: come l’Europa sta diventando più recintata | ADESSO

Martedì il parlamento finlandese discuterà la costruzione di una recinzione al confine tra Finlandia e Russia. Se il piano andrà a buon fine, la Finlandia non avrà di certo una prima volta. Dalla caduta del muro di Berlino, in Europa sono state aggiunte solo recinzioni di confine.

La recinzione finlandese dovrebbe chiudere il 10-20% del confine lungo 1.300 chilometri ai russi in fuga. Il progetto costerà centinaia di milioni di euro, riferisce Ora di Helsinki.

Molti paesi europei hanno preceduto la Finlandia. L’UE ha ora più di 2.000 chilometri di muri e recinzioni per fermare i migranti, secondo un recente rapporto ricercare. Mentre dopo la caduta del muro di Berlino, quasi tutte le recinzioni erano scomparse.

La maggior parte delle recinzioni sono state erette intorno al 2015, al culmine della crisi dei rifugiati. Il governo ungherese, guidato da Viktor Orbán, ha deciso di erigere chilometri di recinzioni lungo i confini serbo e croato. Secondo Orbán, l’Unione Europea non ha fatto abbastanza per fermare il flusso di profughi.

La Slovenia ha anche eretto una recinzione di confine con la Croazia quell’anno. La Grecia ne ha costruito uno vicino al confine con la Macedonia del Nord.

L’UE ha 2.000 chilometri di recinzioni. Il confine esterno dell’unione è lungo circa 15.000 chilometri.


L'UE ha 2.000 chilometri di recinzioni.  Il confine esterno dell'unione è lungo circa 15.000 chilometri.

L’UE ha 2.000 chilometri di recinzioni. Il confine esterno dell’unione è lungo circa 15.000 chilometri.

I migranti come arma politica

Anche le recinzioni e le mura di confine sono più vicine al nostro Paese. Ad esempio, a Calais, in Francia, dove molti migranti tentano di entrare nel Regno Unito. Per contrastare ciò, nel 2016 è stato eretto un muro alto 4 metri.

READ  Sesso tra insegnante e studentessa minorenne, il video finisce su Snapchat: interrotto

Il muro più recente è in Polonia. Nell’estate del 2021, molti migranti sono entrati nel Paese attraverso la Bielorussia. Il presidente Alexander Lukashenko ha usato i migranti come “arma politica” perché ha affermato che l’UE non ha riconosciuto i suoi guadagni elettorali.

Quest’anno, la Polonia ha completato la costruzione del baratro lungo 186 chilometri. Controversa la costruzione in metallo: i corpi dei migranti sono stati ritrovati vicino al muro. Probabilmente sono morti per esaurimento o ipotermia.

Il muro attraversa anche la natura vulnerabile, come la foresta di Bialowieza. È l’ultima foresta vergine d’Europa.

Il muro sul confine polacco-bielorusso.


Il muro sul confine polacco-bielorusso.

Il muro sul confine polacco-bielorusso.

Foto: Getty Images

La Commissione Europea non è favorevole

Dodici paesi europei hanno chiesto alla Commissione europea soldi per le recinzioni l’anno scorso. Si tratta di Austria, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Grecia, Ungheria, Lituania, Lettonia, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia. Ad esempio, la Grecia teme che la vicina e rivale Turchia utilizzi le stesse tattiche della Bielorussia.

“Riteniamo che la sicurezza ai nostri confini sia equivalente a quella dell’intera UE”, ha affermato il deputato Takis Theodorikakos. La presidente della Commissione Ursula von der Leyen è stata chiara. “Non ci saranno mai finanziamenti per il filo spinato e i muri”, ha detto. Secondo la Commissione, le recinzioni non sono efficaci nel prevenire la migrazione (illegale).

Gli esperti sono d’accordo. In un recente rapporto da Istituto per le politiche migratorie Dice che i muri non fermano la migrazione: i flussi migratori vengono semplicemente spostati. Esistono innumerevoli modi per aggirare i muri, ad esempio con tunnel, scale, documenti falsi o tangenti.

Di un altro analisi mostra che a causa dei muri, è più probabile che i migranti si stabiliscano permanentemente in un paese. In effetti, è più probabile che i lavoratori che non possono viaggiare liberamente da e verso il paese ospitante portino con sé le loro famiglie.

READ  Tribunale francese: Airbus e Air France non sono responsabili dell'incidente Rio-Parigi che ha ucciso 228 persone | All'estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *