La Francia dichiara guerra agli islamisti, “ abbastanza è abbastanza ”

È la Francia in lutto, indignata e incredula per la decapitazione di un insegnante a spingere Emmanuel Macron in soccorso. Gli uomini dei servizi, la polizia, i gendarmi, sono sbarcati all’alba nella “città” della periferia nord di Parigi dove una “fatwa” era stata pronunciata su Samuel Paty – come ha detto il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin. Hanno colpito la casa degli 80 che hanno reagito con esultanza o soddisfazione al barbaro assassinio di Paty, hanno aggiunto agli undici detenuti i quattro studenti che avrebbero “venduto” informazioni sul loro insegnante al suo boia, Abdullakh Anzorov. Di ora in ora, il mosaico dei dieci giorni che precedono la decapitazione del maestro alla fine della scuola di Conflans Sainte-Honorine viene disegnato come un incubo. Come autore spicca la figura dell’islamista radicale Abdelhakim Sefrioui, fondatore del collettivo ‘Cheikh Yassine’ (il leader di Hamas ucciso dall’esercito israeliano), che ha accompagnato alla protesta il padre di uno studente di Paty della fatwa contro di lui. chiedi al preside di licenziare l’insegnante. I servizi di informazione sono stati allertati, hanno segnalato l’atmosfera che si era creata intorno al docente per il suo corso sulla libertà di espressione, ma non sono state prese misure concrete. Tutto il contrario di quanto Macron – dopo un incontro durato due ore e mezza ieri all’Eliseo – ha detto ai suoi ministri e al procuratore antiterrorismo che voleva fare: “azioni concrete, senza nemmeno dare un momento di tregua “ai fondamentalisti. Darmanin ha subito annunciato che nelle prossime ore sarebbero stati deportati 231 fondamentalisti islamici immigrati in Francia, poi ha dato attuazione alle istruzioni del presidente: “I fondamentalisti islamici non dormiranno più tranquilli, ora avranno paura”. Il killer ceceno maturato per decapitazione aveva vissuto per tre anni “immerso nella religione”, si era fatto conoscere per reati di diritto comune che non gli erano ancora costati il ​​carcere e si era formato in una palestra per combattere . La lezione sulla libertà di espressione, le vignette di Maometto mostrate in classe lo avevano colpito molto, al punto che di sua iniziativa si era rivolto al padre della studentessa che si era occupata della protesta contro Paty per saperne di più. Il genitore – che rimane in carcere – oltre a pubblicare online il nome e il numero di telefono del professore, potrebbe aver informato Anzorov. Ma chi, il pomeriggio prima di agire, è stato a lungo visto vagare nella scuola del Bois d’Aulne, chiedendo agli studenti di denunciare o almeno descrivere la vittima.

READ  Covid: Iran, 192 città in allerta - Ultima ora

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA