Impianti elettrici ucraini di nuovo sotto tiro • In fiamme un deposito di carburante russo nella regione di Donetsk.

Impianti elettrici ucraini di nuovo sotto tiro • In fiamme un deposito di carburante russo nella regione di Donetsk.

La fornitura di energia elettrica dell’Ucraina di nuovo sotto tiro

La Russia è stata nuovamente presa di mira la scorsa notte per la fornitura di elettricità dell’Ucraina, in particolare nel centro del paese. “Le apparecchiature sulla rete principale sono danneggiate”, spiega l’operatore di rete Ukrenergo.

La Russia ha continuato i suoi attacchi alla fornitura di elettricità dell’Ucraina nelle ultime settimane notevolmente aumentato. Di conseguenza, milioni di ucraini restano senza elettricità per lunghi periodi. Si preoccupano dell’inizio dell’inverno, quando è necessaria l’elettricità per far funzionare il riscaldamento.

Secondo l’esercito russo, una centrale elettrica vicino a Sebastopoli in Crimea, annessa alla Russia, è stata bersaglio di un attacco di droni. Ciò avrebbe distrutto un trasformatore che non era in uso in quel momento. Sebastopoli è il porto di partenza della flotta russa del Mar Nero.

Israele teme che le armi destinate all’Ucraina cadano nelle mani dei suoi nemici

Il presidente Herzog di Israele ha ha commentato la CNN sulla continua pressione dell’Occidente per fornire armi all’Ucraina in modo che possa difendersi dagli attacchi di droni e missili. Anche il primo ministro Rutte ha insistito alla sua visita in Israele all’inizio di questa settimana.

“Ci sono armi che non esportiamo”, ha detto Herzog. “Ci sono cose che non vogliamo vedere cadere nelle mani dei nostri nemici. Ci sono segreti che non possiamo condividere. Ma dove possiamo aiutare, cerchiamo di aiutare.” Ha sottolineato che anche gli Stati Uniti e i paesi europei non forniscono determinati sistemi d’arma all’Ucraina.

Per quanto riguarda il dispiegamento da parte della Russia di droni iraniani, Herzog ha affermato che il suo Paese sta “analizzando” la situazione. L’Ucraina non esclude che la Russia aiuti l’Iran nel suo programma nucleare in cambio della fornitura di droni. Herzog ha affermato di non avere informazioni al riguardo, ma non sono necessarie ulteriori prove per dimostrare che l’Iran è una minaccia alla stabilità globale.

READ  Kim Jong-un vuole fare della Corea del Nord la prima potenza nucleare al mondo | All'estero

La Russia mostra le foto slovene come prova della bomba sporca

Le foto distribuite dal ministero degli Esteri russo per dimostrare che l’Ucraina sta lavorando a una “bomba sporca” sono state scattate 12 anni fa, secondo un quotidiano ucraino. Provengono da un’agenzia slovena responsabile della gestione delle scorie nucleari. Lo ha confermato il governo sloveno. Un consigliere del governo sloveno afferma che la Russia ha utilizzato le foto “per cattivi scopi e all’insaputa del governo sloveno”.

Le foto mostrano sacchetti di plastica trasparenti. Ci sono loghi su di esso che indicano che contiene materiale radioattivo. Secondo quanto riferito, gli esperti nucleari sloveni hanno riconosciuto le sacche. Secondo loro, contiene rilevatori di fumo e le foto sono state scattate per una dimostrazione sul trattamento delle scorie nucleari.

Lunedì il ministero russo ha pubblicato le foto su Twitter con la didascalia: “I rapporti mostrano che a due organizzazioni ucraine è stato ordinato di realizzare una cosiddetta bomba sporca”. Una bomba sporca è un esplosivo circondato da materiale radioattivo. Se esplode, la radiazione radioattiva viene rilasciata dove si verifica. L’Ucraina e i paesi occidentali temono che la Russia utilizzerà l’inesistente bomba sporca ucraina, o il suo dispiegamento, come pretesto per dispiegare la propria arma nucleare.

Capo della NATO in Turchia per accelerare l’adesione di Svezia e Finlandia

Il capo della NATO Jens Stoltenberg visiterà presto la Turchia per accelerare l’adesione di Svezia e Finlandia all’alleanza. La Turchia non ha ancora dato il suo accordo definitivo sull’adesione alla NATO dei due paesi.

Svezia e Finlandia hanno chiesto di entrare a far parte dell’organizzazione dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Ma la Turchia si è opposta e ha ceduto solo quando la Svezia ha promesso, tra le altre cose, di revocare l’embargo sulle armi contro la Turchia e di cooperare più strettamente all’estradizione dei rifugiati turchi, che la Turchia chiama terroristi o militanti curdi. La Svezia è impegnata a placare le preoccupazioni della Turchia, ha affermato Stoltenberg. In uno di questi giorni anche il nuovo Primo Ministro svedese si recherà in visita ad Ankara.

READ  I tre libri di avventura più entusiasmanti per bambini | Famiglia

Anche l’Ungheria deve ancora dare il permesso. Stoltenberg ha detto che il parlamento ungherese stava lavorando per l’approvazione. Gli altri 28 membri della NATO hanno già accettato di aderire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *