La Germania cerca il seguito di un biglietto di trasporto pubblico estremamente economico e popolare |  ADESSO

La Germania cerca il seguito di un biglietto di trasporto pubblico estremamente economico e popolare | ADESSO

La Germania cerca il seguito di un biglietto di trasporto pubblico estremamente economico e popolare |  ADESSO

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz vorrebbe continuare con il biglietto di trasporto pubblico economico creato dal paese. Da giugno a settembre, i viaggiatori possono utilizzare il trasporto pubblico illimitato per 9 euro al mese. Tuttavia, gli alti costi per il governo sono fonte di preoccupazione.

Ad esempio, il ministro delle Finanze Christian Lindner afferma che mantenere in vita il biglietto economico del trasporto pubblico costa almeno 14 miliardi di euro all’anno. “Sono soldi che possono essere investiti anche nell’istruzione, per esempio”, ha avvertito.

La popolazione tedesca considera il biglietto del trasporto pubblico un grande successo. Ad esempio, a giugno i treni erano più pieni del 42% rispetto a giugno 2019. Ciò sarebbe dovuto principalmente ai viaggiatori che altrimenti non sarebbero partiti affatto. Secondo i dati, a giugno 30 milioni di persone avevano l’abbonamento mensile.

Secondo Scholz, sono previste consultazioni per trovare un “seguito adeguato” al biglietto del trasporto pubblico. “Il popolo tedesco ha dimostrato di volere un sistema di biglietteria dei trasporti pubblici più semplice”, ammette il Cancelliere.

Il biglietto del trasporto pubblico è stato originariamente progettato per compensare i residenti per i prezzi elevati del carburante. In questo modo, le persone potrebbero ancora viaggiare in modo relativamente economico verso le loro destinazioni. Il biglietto è valido per tutte le metropolitane, autobus, tram e quasi tutti i treni ad eccezione dei treni ad alta velocità e dei treni interurbani.

READ  Coronavirus, più di 4.900 morti negli Stati Uniti: mai così tanti. Germania, 855 morti. Francia, medici: `` Sì a misure severe, situazione terrificante ''

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *