La Germania lotta con la registrazione dei rifugiati, ‘non possiamo lavorare senza di essa’

La Germania lotta con la registrazione dei rifugiati, ‘non possiamo lavorare senza di essa’

Ora che la maggior parte dei rifugiati ucraini sta trovando un rifugio di emergenza, la prossima domanda è come riprendere la propria vita quotidiana. In Germania, dove la burocrazia era già un problema, la registrazione di cui i rifugiati hanno bisogno per poter lavorare, andare a scuola o consultare un medico è difficile nelle prime settimane.

Lo notano anche Uli Niedner e i nove ucraini che vivono con lui. Pochi giorni dopo lo scoppio della guerra, Niedner ha guidato il suo furgone Volkswagen al confine con l’Ucraina, portandoli nella sua casa molto spaziosa a Berlino.

Katharina, un architetto di Poltava, è molto grata che lei e suo figlio possano vivere con lui e ricevere così tanto aiuto, dice. Ora vogliono registrarsi in modo che lei possa lavorare e suo figlio possa andare a scuola, ma si sta rivelando complicato.

Contratti e dichiarazioni necessari

All’inizio, potevano fissare un appuntamento per questo tramite un sito web del governo. Ma i posti disponibili si sono subito esauriti, dopodiché il sito è stato tolto dall’aria. Solo per un permesso, è possibile anche la registrazione presso l’ufficio distrettuale. Ma a causa di una nuova regola, si è scoperto che i rifugiati avevano bisogno di un contratto di affitto per almeno due anni. “I berlinesi stessi non hanno nemmeno quello”, ride Niedner.

Una delle donne che Niedner accoglie aveva bisogno di un medico perché probabilmente aveva un’infezione alla vescica durante il volo. Per garantire il rimborso delle spese, ha dovuto prima chiedere al medico un certificato dell’assicurazione sanitaria.

“Ma dopo due ore al telefono, ho sentito che poteva riceverlo solo se era già registrata”, ha detto Niedner. Lo stesso vale per il beneficio di poche centinaia di euro che i profughi possono ricevere. Niedner: “Per questo hanno bisogno di un conto bancario tedesco e possono ottenerlo solo se sono già registrati”.

READ  Russia, portavoce di Navalny: "Sta morendo, è questione di giorni"

Viaggio gratuito

A differenza della crisi dei rifugiati del 2015, il governo riesce a malapena a dirigere le persone che arrivano adesso. In seguito, molte persone sono entrate nel Paese senza visto e potrebbero essere portate con la forza dalla polizia in un centro di accoglienza centrale, da dove sono state disperse in tutto il Paese in attesa di una procedura di asilo.

Ora gli ucraini possono entrare liberamente nel paese e muoversi liberamente all’interno del paese. Non devono registrarsi e possono decidere da soli dove cercare di trovare rifugio. Se vogliono registrarsi, ad esempio perché vogliono lavorare, lo fanno nel luogo di loro scelta.

E in Germania, questo significa nella maggior parte dei casi: Berlino. Dei 280mila profughi ucraini registrati in Germania (saranno in realtà di più), la maggior parte arriva prima nella capitale. Ed è qui che il governo raggiunge i suoi limiti.

Un portavoce dell’agenzia governativa per i rifugiati afferma che stanno lavorando duramente per registrare più persone. Non direbbe che il governo è oberato di lavoro. “Il sistema esistente non è in grado di gestirlo, ma ora abbiamo creato un sistema completamente nuovo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *