La giustizia degli Stati Uniti fa appello sull’accesso a documenti segreti dalla casa di Trump ORA

La giustizia degli Stati Uniti fa appello sull’accesso a documenti segreti dalla casa di Trump ORA

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti vuole fare appello con un appello affinché le indagini dell’FBI sui documenti segreti scoperti durante una perquisizione nella casa dell’ex presidente Donald Trump possano riprendere.

L’FBI ha trovato più di 11.000 documenti governativi all’inizio di agosto durante una perquisizione della residenza di Trump a Mar-a-Lago, in Florida. Il dipartimento sta indagando, tra le altre cose, se i documenti riservati sono stati nascosti e se sono stati fatti tentativi per contrastare un’indagine federale.

All’inizio di questa settimana, su richiesta di Trump, è stato nominato un giudice indipendente. Questo maestro speciale esaminerà il materiale trovato durante le ricerche.

Secondo l’ex presidente, l’indagine dell’FBI è politicamente motivata ed è necessario un partito indipendente per esaminare i documenti più da vicino. Tra di loro ci sarebbero stati anche documenti personali di lui. Gli esperti insistono sul fatto che l’FBI non effettuerebbe un raid così importante senza una buona ragione.

Il giudice che ha nominato l’arbitro ha stabilito che l’FBI non dovrebbe proseguire immediatamente l’indagine sui documenti riservati. Lo aveva chiesto il Dipartimento di Giustizia, dopo che Trump aveva appena esortato il giudice a sospendere le indagini penali in attesa di un arbitro.

La giustizia sta ora cercando di accedere a un centinaio di file sequestrati contenenti informazioni riservate attraverso l’appello.

READ  Almeno 2 palestinesi uccisi nel raid israeliano in Cisgiordania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *