“La Juve è più forte ma l’Inter può vincere. Conte-Pirlo? Più difficile …”

Matteo Marani, giornalista di Sky Sport, ha parlato negli studi della vittoria di Juventus nel derby contro Torino e il confronto con ilInter. Tra i temi caldi anche il confronto tra Andrea Pirlo e Antonio Racconto:

“Una vittoria importante per la Juve. D’altra parte, finalmente una performance del Toro con uno spirito del Toro. Purtroppo con errori alla fine pagati a caro prezzo. Se non ci fermiamo alla vittoria, la Juve non mi ha soddisfatto dal punto di vista della prestazione. Ho aspettative più alte, giocatori che offrono poco e che si muovono con difficoltà senza palla. I limiti del Benevento si sono ripetuti. La vittoria è importante ma mi aspetto di più dal punto di vista della partita perché sono state fatte due rivoluzioni. Chiesa e Kulusevski hanno bisogno di entrare di più in partita, ora è tornato al secondo posto e può fare una partita importante con partite convenienti. Insieme ai punti, mi aspetto che il gioco cresca ”.

Getty Images

“La Juve ha bisogno di convinzione. Ha bisogno di avere un maggiore controllo sui giochi, lo fa da molti anni. Non dava spazio a nessuno per giocare. In questo cambiamento radicale perde certezze per acquisirne di nuove. Pirlo ha chiamato i senatori dopo il Benevento: è significativo che oggi Bonucci parli così. Tutti sanno che questo nuovo corso deve essere un accompagnamentoato. Lo spogliatoio ha parlato lo scorso anno e credo che uno dei motivi principali della chiusura con Sarri sia stato proprio questo ”.

Getty Images

“La Juve è più forte come squadra ma l’Inter può vincere. Anno speciale, difficile da prevedere. L’Inter che ho visto davanti al Sassuolo è incoraggiante. Una squadra compatta, unita e coesa, che sa stare bassi e che ha transizioni veloci. Meno controlla la partita, più se ne appropria: è la condanna dell’Inter quest’anno. Non possiamo usare lo stesso metro per entrambi gli allenatori? Chiediamo soprattutto risultati a Conte, mentre chiediamo risultati anche a Pirlo ma soprattutto per la partita. Queste sono due premesse molto diverse. Conte ha l’obbligo di vincere per quello che è stato l’investimento su di lui e per quello che porta con sé: gli viene chiesto molto meno gioco, alla Juve avevi i punti ma è cambiato perché lui no. non c’era corrispondenza. Ecco perché è più difficile per Pirlo che per Conte“.

READ  LIVE TJ - MORATA è arrivata a Torino, accolta da un gruppo di tifosi bianconeri. Domani lo spagnolo sosterrà gli esami medici (FOTO-VIDEO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *