“La Juve tiene d’occhio Conceiçao, come nel 1998” ESCLUSIVA

© foto www.imagephotoagency.it

Mercoledì la Juventus affronterà il Porto di Sergio Conceiçao: l’ex compagno Marco Ballotta presenta le insidie ​​della sfida

Marco Ballotta è uno dei presidi del calcio italiano: l’ex portiere di Lazio e Inter, tra gli altri, detiene ancora il record di longevità per un calciatore di Serie A ovvero 44 anni e 38 giorni con la voglia (forse) di Buffon di battere anche quel record. Ballotta, nella sua carriera, è stato socio di Pirlo, Baronio e Nedved ma anche Sergio Conceiçao, attuale tecnico del Porto. Esclusivo per Juventusnews24, racconta il suo rapporto con l’ex compagno di squadra e parla della Juve in vista della sfida in Champions League.

Sergio Conceiçao ha esordito nel calcio italiano segnando con la Juventus nella Supercoppa italiana 1998, al 94 ‘, regalando la vittoria alla Lazio. Qual è il tuo ricordo di questa gara?
“Avevamo una squadra davvero forte, forse la migliore con cui ho giocato. Questa squadra è nata così nel 97, abbiamo vinto la Supercoppa, la Coppa Italia. Conceiçao era arrivato lì quell’anno, non si conosceva, era già forte. Si è rivelato molto importante per questa Lazio, dominata sulla fascia, era un continuo avanti e indietro, aveva i polmoni da vendere. Inoltre non pensavo che sarebbe diventato un allenatore come qualcun altro. Cresciamo e cambiamo. In questa occasione ha fatto bene ma anche in altre… poi ha anche segnato quindi è andato tutto piuttosto bene “.

Che cosa dovrebbe temere la Juve se il Porto fosse a immagine e somiglianza di Conceiçao?
“Il Porto è una grande squadra ma la Juve è la favorita per il prossimo turno. Ultimamente è migliorata molto, fino a pochi mesi fa c’erano troppi alti e bassi. Ok, c’è la partita persa del Napoli che fa un po ‘di storia in sé, non è come le altre. Secondo me ci sono le condizioni per chiudere l’anno in un certo modo. Andare avanti in Champions sarebbe bello perché più la Juve gioca, più migliora. Non dovrebbe aver paura del Porto ma in questa competizione non ci sono squadre povere … se arrivi al secondo turno vuol dire che hai qualcosa di buono. La Juve è superiore. Penso che il Porto rispecchi il carattere di Conceiçao, ma è una squadra accessibile ”.

Nella sua lunga carriera è stato anche compagno di squadra dei principali rappresentanti tecnici e manageriali della Juventus, ovvero Andrea Pirlo, Roberto Baronio e Pavel Nedved. Cosa ne pensi della loro carriera dopo aver lasciato il calcio?
Nedved ha finito alla Juve ed è rimasto lì, non dico che sia un punto di riferimento ma è molto importante e interpreta il suo ruolo nel modo giusto. Non è un caso che abbia ottenuto risultati dopo aver lasciato il calcio ma non mi aspettavo che facesse quel tipo di carriera anche se era un ragazzo quadrato, un professionista esemplare, molto serio e ha continuato ad esserlo anche dopo ”.

READ  Coppa Italia, la Juve soffre ma ai supplementari batte il Genoa 3-2 e si qualifica ai quarti di finale

Qualche idea su Baronio?
Baronio ha fatto carriera nelle giovanili anche nelle nazionali, non ha mai allenato una prima squadra. Si conoscevano molto bene con Pirlo come giocatori, eravamo insieme a Brescia e poi Andrea ha giocato con me anche all’Inter. Sono entrambi bresciani e si sono conosciuti da amici per intraprendere questo viaggio che non è certo facile ma stanno giocando le loro possibilità di ingresso ad alto livello. E dimostrano di poterlo fare ”.

Pirlo?
“Pirlo sta crescendo molto, loro lo ascoltano, quando cambi allenatore molte cose non sono automatiche. La società gli dà tempo e stanno facendo bene perché sarà un ottimo allenatore ”.

Dove si collocherebbe Szczesny nella classifica dei portieri in Italia?
“Quest’anno Szczesny sta facendo ancora meglio dell’anno scorso, in alcune partite ha tenuto viva la Juve e le ha permesso di conquistare tanti punti. Quest’anno ha trovato una calma importante e lo colloco tra i primi tre in Italia senza alcun problema. C’è molto equilibrio in Italia tra Donnarumma, Szczesny e lo stesso Handanovic che trova continuità tra alti e bassi, penso soprattutto all’ultimo periodo dove migliora dopo le critiche dei mesi passati. Crescono anche tanti giovani portieri italiani ma non sono ancora al livello di questi tre. Lo stesso Reina ha esperienza da vendere, è l’ideale per giocare con i piedi, la Lazio ha trovato il giocatore giusto per ricoprire questo tipo di ruolo non solo in campo ma anche nello spogliatoio. Szczesny lo stesso, per questo lo colloco tra i primi tre ”.

Inter in fuga se vince contro il Milan? O c’è ancora speranza per la Juve dal punto di vista dello scudetto?
“C’è sempre speranza, ma se il derby vince, l’Inter avrà una spinta morale importante. Poi c’è da dire che essendo fuori coppe, possono prepararsi bene alle partite, non hanno impegni infrasettimanali. Più avanzi, più giochi nelle competizioni europee e ti lasci qualcosa alle spalle, come nel caso della Lazio ad esempio. Non sono molte le squadre che possono sostenere tutti questi impegni: l’Inter lo è ma è fuori da tutto. Poi abbiamo visto che anche l’Inter ha avuto tanti alti e bassi. Gli inseguitori sono ottime squadre e tutti possono avere voce in capitolo perché sono molto vicini tra loro, in 10 punti ci sono 7 squadre e con scontri che non si conoscono mai. Ma se l’Inter vincesse il derby… ”.

Grazie a Marco Ballotta per la cortesia e la disponibilità dimostrate durante l’intervista

LEGGI ANCHE: Porto-Juve: il programma alla vigilia della partita di Champions League

READ  Calciomercato Milan - Semaforo verde, arriva l'ordine di Elliott: "Sì, prendilo!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *