LA (NON) RIVOLUZIONE DI PRANDELLI

Li avevamo due settimane complicate per la Fiorentina non ha senso negarlo. Primo, l’esonero di Iachini con il ritorno di Prandelli. Quindi la bolla fuoriesce Ribelli nazionali. E ancora lì L’esplosione di Commisso che ha alzato il tono pochi giorni dopo il rientro in campo. Nel frattempo, la squadra si è allenata con un obiettivo, mettendosi alle spalle un inizio incerto e rilanciando un anno che è stato e può essere un punto di svolta per il club viola.

Prandelli ha portato entusiasmo“, ha detto ieri il capitano Pezzella, pronto a tornare in campo dopo tante settimane complicate. Un messaggio che porta l’anima degli spogliatoi come in dote. Il nuovo tecnico seppe subito trovare gli accordi giusti sfruttando i colloqui personali con i senatori rimasti a Firenze. Ha parlato a lungo con Ribéry, è rimasto colpito dall’umanità del nuovo allenatore e anche dalla sua grande conoscenza del gruppo ancor prima di prenderlo in mano. Ha parlato ovviamente con Pezzella, ma anche con Bonaventura, Callejon e Biraghi. Dalla loro esperienza e dal carattere di questi giocatori, Prandelli vuole ricominciare.

Ha chiesto a tutti cosa ne pensassero dei moduli ma anche dell’attitudine in campo che mancava nei momenti chiave di inizio stagione. Ad esempio nel 2-2 contro lo Spezia. O nella sconfitta contro la Roma. Ha riportato pace e chiarezza dopo la confusione dell’ultimo periodo e nonostante un po ‘di fastidio dovuto alla partenza dei giocatori che hanno deciso di lasciare Firenze per le rispettive Nazionali a dispetto dell’ASL, non ha certo pianto su se stesso e ha ha iniziato ad attirare la Fiorentina a venire.

Difesa a 4. Innanzitutto. Poi un centrocampista che può migliorare le caratteristiche di Amrabat. E l’ennesimo attacco che libera Ribéry da ogni dribbling, per avvicinarlo al gol e renderlo decisivo. Tanti piccoli movimenti per iniziare con il piede giusto. Non mi viene in mente una rivoluzione, ma un “riorganizzatoCondiviso anche con gli spogliatoi. Il Benevento è subito un ottimo banco di prova. Pensare di essere “l’avversario giusto” sarebbe un errore. Il primo passo non è mai facile e anche battere l’Inzaghi significherebbe molto ripartire senza esitazione.

READ  Il calciatore più costoso al mondo di Haaland, l'olandese più prezioso di Gakpo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *