La polizia di Bruxelles ferma la passeggiata proibita Wilders | Interno

Il giornalista Alexander Bakker era presente a Bruxelles, leggi il suo servizio in diretta in fondo a questo messaggio.

I due politici vogliono approfondire l'”islamizzazione” dei quartieri di Bruxelles. Diversi sindaci hanno impedito ai due di entrare.

Inizialmente, i due politici di estrema destra stavano per visitare il famigerato quartiere di Molenbeek, ma il sindaco di sinistra ha deciso all’ultimo minuto di vietare una passeggiata. Secondo i media fiamminghi, per paura dei disordini. Gli attivisti che volevano protestare contro l’arrivo di Wilders sono stati portati via dalla polizia. Saranno perquisiti e dovranno identificarsi.

Il leader del PVV Geert Wilders reagisce furiosamente in una conferenza stampa al parlamento fiammingo: “Molenbeek è diventato un califfato, un’enclave islamica e una zona vietata per i parlamentari come me”.

Il presentatore Dewinter lo trova un peccato: “Apparentemente Wilders è persona non grata in questa città. I sindaci si comportano come piccoli imam che promulgano una fatwa.

Wilders e Dewinter tornarono al parlamento fiammingo.

Non è stato possibile raggiungere il comune di Molenbeek per un commento. Il Vlaams Belang contesterà la decisione del sindaco al Consiglio di Stato. Cinque anni fa, i due volevano anche fare un “safari islamico” nel quartiere divenuto famoso quando vi si rifugiarono terroristi sospettati di attentati islamici a Parigi e Bruxelles. Anche allora, una passeggiata era vietata. Il giudice ha finalmente concordato con i due politici, ma a causa della crisi del corona non ha avuto luogo una visita.

READ  Una tregua? Ci vuole solo una cosa, dice Putin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.