La rabbia di Mazepin: “Deluso da Vettel e Verstappen” – F1 Piloti – Formula 1

L’ultimo Gran Premio dell’Arabia Saudita generato un numero imprecisato di polemiche tra tifosi, squadre e piloti, a causa dei tanti episodi avvenuti nel fine settimana: dalle prove libere alle gare, infatti, ci sono state circostanze che hanno alzato notevolmente il livello di nervosismo generale, dai migliori team ai squadre lontane dalle prime posizioni. Tra questi, inoltre, è passato quasi inosservato il caso della Haas e, più precisamente, del suo pilota. Il labirinto di Nikita. Il russo, alla fine del Q1, si è lamentato apertamente Sebastian Vettel e Max Verstappen, colpevole di averlo rallentato nel suo giro veloce. Concretamente i due piloti in questione hanno superato il debuttante 22enne, poi hanno rallentato in modo da creare lo spazio necessario davanti a loro per completare il giro più veloce senza incontrare traffico. Una decisione che è costata un secondo al compagno di squadra Mick Schumacher.

Curiosamente, la stessa manovra aveva fatto infuriare Vettel e Verstappen all’inizio della stagione, quando erano “vittime” dello stesso approccio al giro cronometrato associato, indicando in questo caso Mazepin come il colpevole. Intervistato da La gara, il russo è tornato sull’episodio di Jeddah, commentando la sua delusione: “Abbiamo avuto un incontro di un’ora con Michael Masi – affermò – che ci ha ricordato le regole. La vecchia generazione di corridori ha ribadito che era compreso nel gentlemen’s agreement di non sorpassare all’ultima curva. Poi il giorno dopo, e pericolosamente, entrano in modo aggressivo nell’ultima curva e ti tengono dietro, dietro di loro. Le regole sono le stesse per tutti e io sono nuovo di questo sport. Pertanto, Giocherò al gioco e farò ciò che fanno gli altri. Ma quello che trovo inaccettabile è criticare la generazione più giovane e poi, nel corso della stagione, cambiare leggermente il nostro approccio. Ho bisogno di imparare e analizzare – Ha aggiunto – perché quello che è successo è stato molto deludente, perché sono stato superato da Vettel e Max ed entrambi hanno poi frenato in rettilineo. Ho dovuto frenare anche io. Se perdi un secondo e mezzo entrando in curva 1, non ha senso continuare al ritmo che stiamo seguendo. sono arrabbiato, ma la prossima volta non crederà a quello che dicono sul gentlemen’s agreement”.

READ  GP di Gran Bretagna 2021: passo gara, strategie gomme, meteo e TV - Formula 1

In conclusione, Mazepin ha ricordato l’episodio che lo vide al fianco degli imputati in Bahrain, quando fu lui a compiere una simile manovra ai danni degli sbandieratori di Aston Martin e Red Bull: “Ero molto preoccupato per le mie azioni – Ha ammesso – dove avevo fatto qualcosa di molto simile a quello che ho praticato in Formula 2, dove sarebbe stato portato senza alcuna critica. All’ultima curva avevo superato macchine che andavano molto lentamente perché sentivo il bisogno di attaccare. In seguito, fui contestato con grande polemica che una simile manovra in Formula 1 non fosse accettabile. Tuttavia, venti gare dopo, è interessante notare che gli stessi piloti che hanno una lunga esperienza nel circo sono stati i primi a passarmi. Era un gruppo di quattro o cinque vetture che ha effettuato questa manovra, e mi sono ritrovato a 150 metri dall’inizio del giro cronometrato”.

PF | Alexandre prada

TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *