Europa rossa. Contagi in aumento, Paesi con obbligo di vaccinazione in aumento

ecdc

Diffusione del Covid-19 in Europa

“La situazione epidemiologica in Europa resta estremamente preoccupante a causa della diffusione della variante Delta del Covid. Siamo nel mezzo della quarta ondata e la combinazione di alti tassi di vaccinazione e misure preventive è l’unica via d’uscita”. Lo afferma il responsabile della strategia vaccinale dell’Ema, Marco Cavaleri. “Viste le incertezze che circondano Omicron, oltre a una situazione già grave, dobbiamo prendere subito misure precauzionali”. E l’allarme è suonato al posto diecdc, questo Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, di fronte a una situazione pandemica che esplode nuovamente in Europa, suscitando nuovamente preoccupazione tra gli esperti. “È necessaria un’azione urgente per aiutarci a mantenere bassa la trasmissione, alleviare il pesante fardello sui sistemi sanitari e proteggere le persone vulnerabili durante le prossime festività natalizie, quando vengono stabiliti i contatti tra i gruppi. Le persone sono in aumento. ”

È chiaro che l’Europa è al centro della nuova esplosione di casi di Covid. Dati alla mano, anche se ricoveri e cure intensive diminuito rispetto allo scorso anno, grazie soprattutto ai vaccini, i contagi hanno raggiunto livelli record, al punto che in alcuni casi le curve superano addirittura quelle di un anno fa. A novembre nel continente è stato registrato 60 per cento dei nuovi casi di contagio nel mondo.

La gravità della situazione si evince soprattutto dal grafico pubblicato dall’ECDC suIl tasso di infezioni registrate nelle ultime due settimane per 100.000 abitanti in tutto il mondo. Rispetto al resto dei paesi tinti di giallo o arancione, l’Europa è una macchia rosso scuro.

ecdc

Diffusione del Covid-19 in Europa

Per arginare la rapida crescita dei casi, dopo Austria, Germania, Grecia e Repubblica Ceca, anche altri Paesi stanno valutando forme obbligatorie di vaccinazione.

“In Gran Bretagna potrebbero esserci circa un milione di casi di Omicron in un mese “, ha affermato il ministro della salute Sajid Javid parla con Sky News. “Rispetto a questa nuova variante, la nostra strategia è stata quella di risparmiare tempo per valutarla e anche per costruire difese protettive”, ha detto, spiegando che negli ultimi giorni abbiamo iniziato a conoscere meglio la variante, che “si sta diffondendo molto rapidamente, più velocemente di qualsiasi altro sequel di Covid che abbiamo visto finora”. Tuttavia, Javid ha nuovamente escluso l’introduzione della vaccinazione obbligatoria in Gran Bretagna: “È eticamente sbagliato e non funzionerebbe”, ha affermato.

Il Germania registri oltre 70.000 nuovi contagi di Covid-19 nelle ultime 24 ore. Il bollettino del Robert Koch Institute riporta 70.611 casi e altri 465 decessi. Nel frattempo, il nuovo Cancelliere Olaf Scholz ha scelto come Ministro della Salute l’epidemiologo Karl Lauterbach, che dovrà tra l’altro finalizzare l’obbligo di vaccinazione anti-Covid per tutto il personale sanitario, compresa l’assistenza agli anziani, e valutare l’ipotesi di un obbligo allargato per tutti i cittadini.

Anche in Italia, finora, l’obbligo di vaccinazione per tutti gli adulti non è stato ancora discusso. Il buona copertura vaccinale ci ha aiutato a rallentare la crescita dei contagi, ed è possibile che le terze dosi, il baby vax e, soprattutto, il Green superpass (solo per vaccinati o guariti), entrato in vigore lunedì 6 dicembre, siano abbastanza per invertire la curva.

Anche in Spagna Si registra un’accelerazione dei casi di Covid, che dallo scorso ottobre hanno ripreso a crescere esponenzialmente. Dopo il via libera della Commissione Sanità Pubblica, il Paese si prepara ad estendere la procedura di vaccinazione ai bambini dai 5 agli 11 anni. Vaccinazione in Spagna rimanere volontario ma sono almeno cinque le regioni che ne chiedono l’obbligatorietà per tutti i lavoratori che si occupano di persone fragili, come gli operatori sanitari e il personale delle case di cura.

L’Austria, in tema di vaccinazione obbligatoria, ha indicato la strada in Europa, decidendo di introdurla per tutti dal 1° febbraio 2022. In base al disegno di legge che sta emergendo, no vax riceverà un invito a tutti i tre mesi di al Ministero della Salute da vaccinare e, in caso di inadempienza, ogni volta che scatta una multa di 600 euro, che diventa super-ammenda di 3.600 euro per chi non la paga fuori dai tempi stabiliti. Sono esentati dall’obbligo i minori di 14 anni, le donne in gravidanza, i guariti da meno di 180 giorni e gli altri che non possono essere vaccinati per motivi medici. Le donne che hanno partorito e i ragazzi di 14 anni hanno un mese per ricevere la prima dose.

READ  La sorella di Kim Jong-un è stata declassata?

In svizzero ioincidenza di infezioni in 14 giorni ha raggiunto 1.269,8 casi ogni 100.000 abitanti, con un tasso di positività di circa il 16%. Il 66,11% della popolazione è completamente vaccinato. Di fronte alla situazione pandemica, il governo svizzero ha deciso di mettere a disposizione dei Cantoni fino a 2.500 soldati che potranno supportare gli ospedali nella cura e nel trasporto dei pazienti, oltre che nella vaccinazione. Per il momento, però, non si tratta di vaccinazione obbligatoria.

Il Belgio, che ha registrato una prima ondata di contagi da Covid tra i più pesanti d’Europa, ha registrati più di 78 mila contagi giornalieri da Covid-19 negli ultimi sette giorni e 284 decessi su una popolazione di 11 milioni. La situazione dei detenuti è grave e da ottobre ha continuato a peggiorare. Lo ha fatto il governo vaccini obbligatori per tutti i suoi operatori sanitari dal 1° gennaio. Coloro che rimarranno non vaccinati riceveranno un avviso di sospensione del contratto, a meno che non possano fornire prove di guarigione da Covid o tamponi negativi. Le proteste contro questa decisione non sono fallite nel Paese. Diverse migliaia di operatori sanitari hanno manifestato a Bruxelles martedì 7 dicembre non solo per opporsi all’obbligo, ma anche per chiedere migliori condizioni di lavoro.

In Polonia per operatori sanitari, insegnanti e forze dell’ordine la vaccinazione diventerà obbligatoria dal 1° marzo 2022. Con oltre 28mila casi e 591 decessi nelle sole ultime 24 ore, il Paese è tra i più colpiti dalla nuova ondata di pandemia, e le autorità ora temono che la nuova variante di Omicron possa innescare un ulteriore aumento dei contagi . “Non c’è alcun segno di una chiara tendenza al ribasso e c’è il rischio che si sviluppi la mutazione di Omicron”, ha detto il ministro della Sanità Adam Niedzielski in una conferenza stampa. “Questi due fattori ci costringono ad agire con decisione”. La Polonia non ha ancora segnalato alcun caso della variante Omicron, ma Niedzielski ha affermato che il limite al numero di persone ammesse negli spazi pubblici come ristoranti e cinema sarà ridotto dal 50% al 30%. Le aziende saranno tenute a verificare i certificati Covid dei clienti, mentre le discoteche saranno chiuse dal 15 dicembre, compreso il capodanno.

Nei paesi diEuropa orientaleinfine, non si tratta ancora di una vaccinazione generale obbligatoria, anche se proprio in questa zona i contagi sono da record. Sei stati hanno ancora un tasso di vaccinazione complessivo inferiore al 55% (Bulgaria, Romania, Slovacchia, Croazia, Polonia e Slovenia). “Gruppi o sacche di paesi o regioni meno vaccinati rappresentano un rischio per l’UE nel suo insieme. Dà vita alle varianti più severe e trasmissibili. Non posso sottolineare abbastanza l’urgenza della vaccinazione”, ha affermato il commissario europeo Stella Kyriakides, chiedendo “un’azione urgente e coordinata “a partire dai vaccini” per rispondere rapidamente all’evolversi della situazione” si qualifica come “difficile”.

READ  "E' solo un esercito virtuale" - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *