la ricostruzione del dialogo di Milanello. Raiola vuole davvero il meglio per lui? Domenica tutto è deciso

Tutte le rievocazioni finora fornite dai colleghi che hanno curato la notizia dell’intervista tra gli ultras e Gigio Donnarumma sono angoli diversi di quanto accaduto sabato a Milanello. Sono state ore frenetiche di controlli e contro-controlli, perché prima di scrivere questo editoriale, ci è voluto un lavoro scrupoloso per mettere insieme i pezzi del puzzle. La delegazione della Curva Sud che si è riunita intorno alle 11.30 fuori Milanello era molto numerosa e una volta fuori Milanello ha chiesto di poter parlare con Gigio. All’inizio non voleva, ma poi ha accettato il confronto. Non si sa se sia stato spinto o meno da qualcuno, ma dobbiamo riconoscere che ha preso in mano il coraggio e ha accettato il faccia a faccia. Qui è iniziato il dialogo tra le parti, con toni diretti ma mai aggressivi degli ultras. La prima domanda che gli è stata posta è se avesse firmato per la Juventus e successivamente non avrebbe giocato domenica sera se fosse stata ricevuta una risposta affermativa. Donnarumma ha ribadito di non aver firmato nulla con la Juventus, che è lui che vuole decidere il suo futuro e che la sua volontà è quella di restare al Milan. Ha confermato il fatto che gli è stato detto che ha tutte le carte in regola per poter diventare il Totti del Milan e che a Milano non gli manca nulla per essere il migliore di tutti. Qui gli ultras hanno violato quella che è la vera volontà di Gigio, che in città sta facendo bene, a Milano è trattato come un pascià da tutti e dove è diventato anche ricco, ricchissimo. Inutile dire che è stato riconosciuto per il suo valore con un bonus per i migliori giocatori. L’offerta da 8 milioni di dollari di Maldini e Massara rappresenta un ulteriore miglioramento. Al termine dell’intervista, Donnarumma è tornato in casa rossonera e ha sfogato la sua tensione in un grido di liberazione. Perché Gigio è alle prese con questa situazione, di cui è anche co-colpevole. Arrivare a questo punto senza imporre la sua volontà al modus operandi del suo agente, come ha fatto 4 anni fa, è colpa sua. Conosco personalmente Gigio da quando aveva 14 anni, ma a 22 deve avere il coraggio di agire con forza.

READ  Superlega, le azioni dello spietato Agnelli: telefoni scollegati e parole inghiottite, così ha tradito l'amico Ceferin, l'ECA e i fondi | Prima pagina

Perché Mino Raiola, che è un grande agente, fa davvero del suo bene? Sottoporlo a questo stress, che sa benissimo che Gigio ancora non riesce a sopportare e gestire, lo mette in difficoltà. E come abbiamo detto in una recente puntata di MilanNews su Podcast, la sua “fortuna” è stata che gli stadi fossero chiusi, altrimenti avremmo assistito a una partita di strage o all’indifferenza dei tifosi del Milan, che hanno già potuto perdonarlo e reintegrarlo una volta (febbraio 2018 dopo Ludogorets-Milan 0-3). Ora Mino probabilmente andrà all’attacco dicendo che non avrebbe dovuto venire al confronto con i fan, che hanno minacciato Donnarumma (che è sbagliato) e altre espressioni del repertorio, per farmi piacere quello che è successo nel 2017.

Domenica, probabilmente, si deciderà tutto o quasi tra chi andrà in Champions tra Juventus e Milan e chi, in quel momento, prenderà la posizione forte con Donnarumma. La posta in gioco è molto, sotto tutti i punti di vista. Dobbiamo sfatare il tabù dello Juventus Stadium con un grande sforzo di squadra per centrare il bersaglio e, chissà, cambiare ancora le carte per Gigio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *