La Russia inserisce un giornalista televisivo che protestava contro la guerra nella lista dei ricercati | Media

La giornalista televisiva russa Marina Ovsyannikova, nota per la sua protesta televisiva in diretta contro la guerra in Ucraina, è stata inserita nella lista dei ricercati dal ministero dell’Interno russo. Un tribunale di Mosca ha posto Ovsyannikova agli arresti domiciliari all’inizio di agosto, ma a quanto pare è sfuggita alle autorità.

Gli arresti domiciliari di Ovsyannikova seguono una protesta al Cremlino a metà luglio. Poi Ovsyannikova ha alzato un cartello che diceva “Putin è un assassino, i suoi soldati sono fascisti”.

Il giornalista ha poi alzato un altro cartello di protesta fuori dal tribunale, questa volta dicendo “Possano i bambini morti perseguitarti nei tuoi sogni”.

Ovsyannikova, 44 anni, è ricercata per “aver diffuso false informazioni sull’esercito”. Rischia fino a dieci anni di carcere. Dalla sua manifestazione di fama mondiale alla televisione di stato russa, durante la quale ha interrotto un telegiornale, è stata ripetutamente arrestata e multata per la sua protesta contro la guerra.

Dopo che le truppe russe hanno invaso l’Ucraina il 24 febbraio, il governo ha approvato leggi che criminalizzano le critiche alla guerra. Ovsyannikova afferma che le autorità stanno cercando di intimidire gli oppositori della guerra. È andata all’estero dopo la sua protesta alla televisione di stato russa, ma è tornata in Russia a luglio.

READ  kyiv si sveglia dopo la partenza dei russi: "La città non sarà mai più la stessa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.