I giocatori di pallavolo sono sempre alla ricerca della forma migliore, anche una sconfitta contro l’Italia

Serve Paola Egonu, la stella dell’Italia.Statua Klaas Jan van der Weij / de Volkskrant

Sotto 20-20 nel quarto set, i pallavolisti italiani hanno lasciato l’Olanda sperando nella vittoria di domenica, dopo che la fuoriclasse Paola Egonu ne aveva avuto abbastanza. Con pochi colpi potenti, l’attaccante diagonale mette le cose in ordine. L’Olanda aveva giocato bene nell’ultima partita del primo turno, forse meglio del previsto. Ma adesso era davvero bellissimo.

Per un momento, i giocatori di pallavolo olandesi avrebbero potuto sentire l’odore della sorpresa. Hanno preso il secondo set e nel quarto potrebbero durare a lungo, ma l’Italia ha vinto comunque 3-1. Era come previsto, nessuno aveva contato su una vittoria contro il Paese che forse è il favorito per il titolo. “Se avessi detto 3-1 prima”, ha detto realisticamente l’attaccante Celeste Plak. “Quindi potresti aver pensato che fosse buono.”

In quest’ultima partita del primo turno di Coppa del Mondo, l’Olanda ha offerto una buona resistenza contro l’Italia. La squadra ha anche segnato un set, che andava bene per un under-topper, una squadra di costruzione. Dopo questa partita, l’Olanda dovrebbe normalmente essere in grado di iniziare il secondo turno questo martedì con fiducia. Ma adesso era diverso. Perché venerdì il Belgio aveva già perso.

La sconfitta contro il paese vicino, anch’esso under-topper internazionale, ora getta un’ombra sul seguito dell’Olanda alla Coppa del Mondo nel proprio paese. L’obiettivo dell’Olanda è raggiungere i quarti di finale, la fase a eliminazione diretta in cui “non si sa mai come andranno le cose” e “tutto è possibile”. Una vittoria sul Belgio avrebbe potuto dare fiducia in questo scenario. Ma venerdì è andato storto.

READ  Come va l'economia italiana e degli altri "paesi problematici"?

Spettacolare

È il primo grazie al fenomenale attaccante belga Britt Herbots, che ha segnato non meno di 41 punti. Ha fatto la differenza quasi da sola. Ciò era dovuto anche al pessimo inizio dei Paesi Bassi. La squadra aveva bisogno di un set e mezzo per iniziare. Una volta che i Paesi Bassi sono partiti, la battaglia è andata dritta. Ma ormai era già troppo tardi. “Vedo che non siamo abbastanza aggressivi”, ha detto in seguito il capitano Anne Buijs. “Ma non riesco nemmeno a spiegare perché non abbiamo questa aggressività”.

Anche l’allenatore Avital Selinger non riesce a capirlo. Forse la pressione di suonare davanti al tuo pubblico? Venerdì e domenica, gli spalti del Gelredome erano pieni di migliaia di tifosi in arancione, ma Selinger non pensa che sia il problema in sé e per sé. Ciò che può avere un ruolo è che la sua squadra è relativamente inesperta. “Non capita spesso di giocare a partite cruciali”, dice. “Questo non è da sottovalutare, anche molte ragazze hanno bisogno di acquisire esperienza in questo settore”.

Era già chiaro in anticipo che l’obiettivo di raggiungere i quarti di finale era ambizioso. L’Olanda è decima nella classifica mondiale, quindi gli avversari migliori dovrebbero comunque essere vinti sulla carta. Dopo cinque partite è chiaro che non tutto va bene e che l’Olanda non è ancora al meglio.

Un problema è che l’Olanda si appoggia pesantemente a sinistra in attacco con Anne Buijs e Nika Daalderop che hanno segnato il maggior numero di punti in quasi tutte le partite. L’attaccante diagonale Celeste Plak è meno efficace da destra.

autocritica

“Avevo sperato di fare meglio di quello che sto facendo in questo momento”, ha detto Plak in modo autocritico dopo la partita contro l’Italia. “Voglio dare un contributo migliore in attacco rispetto a quello che sto facendo ora”.

All’inizio, Plak non è riuscito a convertire un promettente attacco in punti contro il Belgio. Dopodiché, ha anche giocato molto meno con la palla. Ha evitato la domanda se fosse contenta del modo in cui è stata interpretata. “Allora dovrei rivedere il video e vedere cosa c’è che non va”.

Plak è fuori da un po’ di tempo e non tornerà nella base della nazionale fino a questa estate. È logico che ci vuole tempo per abituarsi agli altri giocatori e a volte può essere difficile in ogni squadra. Non è per questo che l’Olanda ha perso contro il Belgio. Ma ai Mondiali l’Olanda deve già pestare i piedi e non può sfruttare un problema del genere.

I giocatori di pallavolo ora iniziano il secondo turno al sesto posto. Martedì deve vincere l’Argentina, sulla carta l’avversario più debole. Poi vengono Cina, Brasile e Giappone. Questi sono i primi tre paesi e probabilmente almeno due di questi paesi dovrebbero essere vinti. “Speravo che potessimo fare delle acrobazie oggi”, ha detto Plak. “Beh, abbiamo salvato quell’acrobazia, forse arriverà più tardi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.