La Russia per ritirare le truppe si è raccolta vicino al confine con l’Ucraina, dice il ministro della Difesa

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha detto giovedì che il governo ritirerà le decine di migliaia di truppe e veicoli che aveva parcheggiato al confine ucraino nelle ultime settimane e che avevano espresso preoccupazione per il fatto che la Russia stesse preparando una nuova operazione militare sul territorio ucraino. Secondo Shoigu, le truppe stavano svolgendo un’esercitazione militare e dopo aver dimostrato “la loro capacità di garantire una difesa affidabile del Paese”, verranno ritirate e potranno tornare alle loro basi. Finora il ritiro delle truppe è stato solo annunciato, e nei prossimi giorni sapremo se ciò avverrà effettivamente.

Secondo il governo ucraino, l’esercito russo aveva radunato circa 100.000 soldati in varie zone non lontane dal confine, oltre a veicoli blindati, artiglieria e aerei militari. È il più grande raduno di truppe dall’annessione della Crimea nel 2014, causando grande preoccupazione all’Ucraina e ai suoi alleati in Europa e negli Stati Uniti.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha twittato giovedì che la riduzione delle truppe sta riducendo proporzionalmente la tensione e ha ringraziato gli alleati internazionali per il loro sostegno. Ore prima, durante il suo discorso annuale sullo Stato della nazione, il presidente russo Vladimir Putin aveva particolarmente attaccato i paesi occidentali, minacciandoli con una risposta militare “asimmetrica, rapida e dura” se attraversassero una “linea rossa” che spetterà alla Russia tracciare: non si sa esattamente cosa intendesse Putin per “linea rossa”, ma molti hanno visto una riferimento alla crisi in Ucraina.

READ  Coronavirus, i contagi in Europa superano i 5 milioni. In Spagna, più di 11mila casi al giorno, 13mila in Francia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *