“La salvezza è una battaglia con il Torino, ecco come affrontarla”. Su Kokorin, Malcuit ed Eysseric …

Cesare Prandelli parla in sala stampa il giorno prima della partita contro il Torino. Queste sono le sue dichiarazioni.

Su Torino-Fiorentina: “Per me è una battaglia per la salvezza. Quando si cambia, ogni allenatore porta il proprio modo di vedere e gestire il calcio, quello che ho notato è che il Torino è diventato una squadra molto concreta alla ricerca di una lotta dal punto di vista fisico. Ovviamente ci sono ancora tante partite da fare ma bisogna mantenere quel tipo di mentalità ”.

Anche su Torino-Fiorentina: “Dobbiamo continuare e mettere in gioco il tipo di mentalità che vediamo con il Crotone. Quando si difende in modo ordinato, emerge la qualità. Con la mentalità provinciale non si perde assolutamente la qualità. Sarà un gioco molto delicato ”.

Cosa ti aspetti dal secondo turno della Fiorentina: “Non siamo così lontani dalla zona calda, quindi non mi fido di lui. Voglio prestazioni, se abbiamo continuità arriveranno anche i risultati e quindi più sicurezza. La partita di domani sarà molto delicata, ripeto ”.

A proposito dei single di Torino: “Mi sembra che Zaza abbia trovato una condizione importante, al di là di Belotti che è ancora un punto di riferimento molto importante. Il Torino è una squadra molto fisica che si verticalizza e non ti fa ripartire. Dovremo fare i conti con i tempi di aggressione e di uscita, solo così potremo metterli in difficoltà ”.

Su Kokorin e Malcuit: “Questi sono due giocatori che non dovrebbero essere sotto pressione in questo momento perché hanno bisogno di rimettersi in forma. Una volta trovati, possono darci una mano perché hanno qualità e personalità. Sono felice perché queste sono due operazioni intelligenti. C’era pianificazione nella scelta ”.

READ  Budweiser ha inviato birre numerate ai portieri che hanno subito gol per Messi | Lampeggiante

Su Vlahovic: “Gli faremo certamente trovare la candela, sarà festeggiato (oggi è il suo compleanno, ndr). Quello che gli chiedo è continuità nei bei tempi e nei movimenti di punta. È ancora molto giovane, spero che manterrà sempre questa motivazione in relazione alla finalizzazione ”.

Sul suo futuro alla Fiorentina: “Ho sempre detto che non sarò mai un problema per la Fiorentina. Do tutta la mia disponibilità, poi l’azienda fa le scelte ”.

Su Eysseric: “Quando sono arrivato, ho trovato un giocatore demotivato e triste, ma dal secondo / terzo allenamento l’ho considerato un giocatore di alta qualità. L’abbiamo recuperato al 100% dal punto di vista fisico e mentale, questo ci darà una buona mano ”.

Ulteriori informazioni su Kokorin (da un punto di vista tattico): “Prima abbiamo bisogno della condizione, poi decideremo. In questo momento stiamo percorrendo un percorso su un certo sistema di gioco, ma sono sempre pronto per i cambiamenti ”.

Sull’atteggiamento della Fiorentina che vedremo a Torino: “Di solito, quando si tratta di squadre con moduli di gioco speculari, i duelli individuali sono molto importanti. Dovremo essere bravi per vincerli creando una superiorità numerica. E quando vinci la palla in certe zone del campo, mi piace vedere una squadra senza scrupoli. C’è sempre un margine di rischio ma è un rischio calcolato ”.

È Malcuit: “Kevin ha questa capacità di ribaltare le situazioni con una buona intensità di corsa, inoltre cerca un testa a testa quando arriva in fondo al campo.”

Sul mancato contributo di coloro che subentrano alla magistratura: “Le modifiche sono fondamentali per correggere qualcosa a livello di sistema di gioco. Se entra uno invece di un altro, entra un giocatore che ha caratteristiche diverse: bisogna lavorarci anche noi”.

READ  Victor Osimhen è già un beniamino dei napoletani e si ritrova anche nei "Simpsons"

Su calci piazzati: “Dobbiamo lavorare di più e meglio in termini di qualità. I palloni morti sono un problema per tante squadre che non hanno specialisti, a volte è la convinzione a fare la differenza ”.

Circa i violisti più chiacchierati: “La squadra ha lavorato molto bene, non ci sono particolari tensioni. Ci possono essere momenti in cui arrivano richieste da altri club e ci sono paragoni in cui spieghiamo perché abbiamo rifiutato alcune offerte ma dal giorno in cui i giocatori si mettono a disposizione per la nostra grande maglia “.

Sulla mancanza di contributo di chi succede alla magistratura: “Le modifiche sono fondamentali per correggere qualcosa a livello di sistema di gioco. Se entra uno invece di un altro, entra un giocatore che ha caratteristiche diverse: bisogna anche lavorarci”.

Son Sanabria: “È uno dei giocatori più talentuosi che abbia mai incontrato, talento puro che può fare tutto. Penso che sia maturo per un ritorno al calcio italiano ”.

FIRENZE, ITALIA – 10 GENNAIO: Il manager dell’ACF Fiorentina Cesare Prandelli guarda durante la partita di Serie A tra ACF Fiorentina e Cagliari Calcio allo Stadio Artemio Franchi il 10 gennaio 2021 a Firenze, Italia. (Foto di Gabriele Maltinti / Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *