La scrittrice Esmee Schenck de Jong (1992-2023) è partita alla ricerca dell’avventura e della libertà senza imbarazzo

La scrittrice Esmee Schenck de Jong (1992-2023) è partita alla ricerca dell’avventura e della libertà senza imbarazzo

La scrittrice Esmee Schenck de Jong (1992-2023) è partita alla ricerca dell’avventura e della libertà senza imbarazzo

Ha coniato la parola scabrosa “pussy sommelier” e ha scritto della sua vita sessuale e amorosa senza imbarazzo. Ma era anche giornalista, libraia per ragazzi e fulcro di un folto gruppo di amici. Esmee Schenck de Jong è morta la scorsa settimana all’età di 31 anni.

Lorena van Gelder

La prima volta che Emma Mendez Correa incontrò Esmee Schenck de Jong, allora diciottenne, è impressa nella sua memoria. Cosa indossava, cosa diceva: Mendez Correa ricorda esattamente. Era seduta al bar Café George dove lavorava Mendez Correa, con un abito in lattice ultra attillato e enormi zeppe. “Non sapevo cosa stavo vedendo, anch’io indossavo tacchi altissimi. Esmee ha detto “Belle scarpe” e io ho detto “Sì, ma fanno male”. Poi ha risposto: “Meglio essere belli con il dolore che comodi e brutti”. Vengo da Amstelveen e fino ad allora non avevo mai incontrato nessuno che fosse così nella vita.

Esmee Schenck de Jong era un’apparizione. Quando è entrata, non si poteva aggirarla, diciamo amici e conoscenti. Con i suoi due piercing sopra il labbro, il suo stile stravagante e il suo umorismo, ha lasciato un’impressione indelebile. Questo, unito al suo interesse per i libri, i film, l’arte e il suo debole per la scrittura, l’hanno resa una giovane donna amata. Il venerdì e il sabato ha lavorato a De Kinderboekwinkel sul Rozengracht e, grazie alla sua conoscenza dei libri per bambini, è stata membro della giuria di quest’anno. libro illustrato prezzo Pennelli.

Dolce, cattivo, felice, caotico

Nata e cresciuta a L’Aia, figlia di un bibliotecario ed ex dentista, si è trasferita ad Amsterdam quando aveva diciotto anni. Alla ricerca dell’avventura e della libertà: un filo conduttore nella sua vita. Ha studiato media all’Università di Scienze Applicate di Amsterdam e si è laureata l’anno scorso.Ha anche lavorato come giornalista.

Era anche qualcuno che si è distinto a L’Aia. Il suo amico d’infanzia, Tristan King, ricorda di essere stato appeso come un contorsionista nella palestra della giungla quando aveva cinque anni. “In seguito, è stata una pioniera nel modo in cui si vestiva e nella musica che ascoltava”.

Ad Amsterdam, Schenck de Jong si immerge in un mondo di feste e nuove amicizie. Anna van Delft l’ha incontrata a una festa techno illegale a Westpoort. “Era come una sorella per me”, dice Van Delft. “Non conosco nessuno che sia stato premuroso come Esmee.” È diventata il fulcro di un folto gruppo di amici, ai quali inviava regolarmente cartoline o souvenir molto personali. Mendez Correa: “Era dolce, birichina, felice e caotica in modo molto positivo”.

Libro sul sesso e libro per bambini

All’inizio di quest’anno, Schenck de Jong ha esordito come autore presso la casa editrice Prometheus con la raccolta di racconti Perché il mio corpo lo vuole. Descrive le sue esperienze durante feste birichine, durante orge o appuntamenti sessuali. Ha poi coniato il termine pussy sommelier (un intenditore, per così dire). Scrive senza imbarazzo, ma nella prefazione chiede al lettore di “rinviare il giudizio”. Emma Mendez Correa ne era l’editore. “È sempre stata una scrittrice, ha appena iniziato a prendere forma”. Allo stesso tempo, sta realizzando un libro per bambini per il suo diploma. ” Gliel’ho detto ; così divertente che le tue prime pubblicazioni sono un libro sul sesso e un libro per bambini. I contrasti in lei sembravano grandi: ma non sembravano opposti. Perché il mio corpo lo vuole venduto ottimamente. “Eppure ho visto che riusciva a malapena a sentire che il libro stava andando così bene.”

Schenck de Jong soffriva di disturbo bipolare. Fin dall’infanzia ha sofferto di periodi di grave depressione, un argomento da cui non ha evitato. PerVice E di Volkskrant, ma anche per riviste, scrive regolarmente di vulnerabilità mentale. Per quanto turbolenta e piena di vita potesse essere nei bei tempi, era così riservata quando era depressa. “Si è chiusa perché non voleva gravare sugli altri”, dice il suo amico d’infanzia Tristan King.

La scorsa settimana si è suicidata.

Anna van Delft: “Vorrei che Esmee vedesse ora che tutti sono venuti da ogni dove specialmente per lei. Da Berlino, dall’India, da New York, da lontano, veniamo insieme, per lei.

Stai pensando al suicidio o sei preoccupato per qualcuno? Parlare di suicidio aiuta e si può fare in forma anonima via chat o per telefono: 113 o 0800-0113.