La Serbia interviene contro la violenza armata dopo la micidiale sparatoria a scuola |  All’estero

La Serbia interviene contro la violenza armata dopo la micidiale sparatoria a scuola | All’estero

Giovedì il governo serbo ha annunciato una serie di misure in risposta alla sparatoria in una scuola di Belgrado. Mercoledì sono stati uccisi otto studenti e una guardia di sicurezza.

In una dichiarazione, il governo ha affermato che smetterà di rilasciare licenze ai proprietari di armi. Inoltre, il ministero della Giustizia sta esaminando se la legge possa essere modificata in modo che anche coloro che danno accesso alle armi ai bambini possano essere perseguiti. Si esamina inoltre se l’età alla quale una persona può essere perseguita può essere ridotta da quattordici a dodici anni.

Il tiratore di tredici anni aveva due fucili quando ha aperto il fuoco sulla scuola. Il ragazzo l’aveva preso da suo padre, che possedeva legalmente le pistole. A causa della sua giovane età, il ragazzo non può essere perseguito.

Suo padre e sua madre sono stati arrestati. Non si sa esattamente di cosa siano sospettati.

Il tiratore è stato ricoverato in un istituto psichiatrico. Si dice che abbia pianificato il suo attacco per settimane, ma non è ancora chiaro perché lo abbia fatto.

Questa è la prima volta che la Serbia ha affrontato una simile sparatoria in una scuola. Il presidente Aleksandar Vucic ha parlato di “uno dei giorni più difficili” della storia recente del Paese. Da venerdì si applicano tre giorni di lutto nazionale.

READ  Assalto al Congresso raccontato da Alexandria Ocasio-Cortez

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *