La sonda Orion è tornata sulla Terra dopo la sua missione sulla Luna

La sonda Orion è tornata sulla Terra dopo la sua missione sulla Luna

Orion è stato lanciato il 16 novembre, dopo anni di preparazione. L’imbarcazione dovrebbe portare le persone sulla luna e tornare in pochi anni. Per testare tutti i sistemi, ora stava girando intorno alla luna senza equipaggio. Le bambole erano dotate di tutti i tipi di sensori e strumenti di misurazione.

Il volo di ritorno sulla Terra, dopo oltre due milioni di chilometri nello spazio, è stato lanciato poco più di una settimana fa. Secondo la NASA, il veicolo spaziale ha funzionato meglio del previsto.

Qui puoi vedere le immagini di schizzi in mare:

La nave è composta da due parti. A prua c’è la parte americana dove successivamente siederà l’equipaggio. Sul retro, nella parte europea, il lettore ei pannelli solari olandesi che generano elettricità. Poco prima di rientrare nell’atmosfera, si separarono. La parte europea è bruciata nell’atmosfera, la parte americana ha rallentato e si è tuffata in mare come previsto.

La prima donna sulla luna

Orion fa parte del programma Artemis I, successore del programma Apollo degli anni ’60 e ’70, che ha reso gli Stati Uniti il ​​primo e unico paese a inviare esseri umani sulla Luna. Artemis è la prima donna a camminare sulla luna.

Anche un altro velivolo è stato lanciato oggi sulla Luna dalla base spaziale di Cape Canaveral. Si tratta di un lander della compagnia giapponese ispace, il lancio è stato effettuato con un razzo della SpaceX, la compagnia spaziale dell’imprenditore Elon Musk.

A bordo c’è anche il Rashid Scout sviluppato dagli Emirati Arabi Uniti. Il carrello deve rotolare sulla luna per circa due settimane per condurre ricerche scientifiche con telecamere e sensori. Rashid pesa circa 10 chili, è lungo e largo oltre 50 centimetri e alto circa 70 centimetri. Poiché il lander fa una grande deviazione, l’atterraggio non dovrebbe avvenire prima di aprile.

READ  Inter, altro attaccante eliminato oltre a Lukaku: le parole di Conte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *