La storia di Delphine, la principessa che re Alberto non voleva

AGI – Nonostante la vittoria legale che le ha dato appena 4 giorni fa il titolo che si merita, la “nuova” Principessa di Sassonia-Coburgo è una donna ferita e non dimentica di aver ricevuto da suo padre , l’ex re dei belgi Alberto II, “una pugnalata alla schiena”, espressa dalla freddezza e dall’assenza di ogni sensazione. Delphine ex-Boël può usare il nome della famiglia reale e il titolo di principessa dal 1 ° ottobre: oggi, durante la sua prima conferenza stampa, l’artista cinquantadue anni si è commossa fino alle lacrime, ricordando la lotta che ha condotto per sette anni, e dicendo di essere “sollevata” dopo si sentiva “su un campo di battaglia” fin dall’infanzia.

Nato nel febbraio 1969 durante il lunga relazione che sua madre, la baronessa Sibylle de Sélys Longchamps ebbe dal 1966 al 1984 con l’allora principe ereditario, sposata dal 1959 con la futura regina Paola, Delphine iniziò la sua lotta solo in età adulta. L’ex sovrano ha regnato dal 1993 al 2013 ed è il padre dell’attuale re Filippo. Ha sempre negato di essere il padre di Delphine, fino a quando i tribunali non lo hanno costretto a fare un test del DNA nel 2019.

Il risultato ha confermato la paternità e la notizia è stata resa pubblica a fine gennaio. Tuttavia, gli avvocati dell’ex monarca lo hanno chiarito in questa occasione sebbene sia il padre biologico di Delphine, Alberto “non è mai stato coinvolto in nessuna decisione familiare, sociale o educativa” che la riguardasse..

La bambina, allora una ragazza e una giovane donna, aveva ancora contatti regolari con suo padre fino a quando non si verificò una rottura drastica all’età di 33 anni. Fino ad allora, ha spiegato oggi la nuova principessa, si era comportata come un “buon soldato” per proteggere i suoi genitori, ma dopo il combattimento si è sentita ferita, “come una pugnalata alla schiena”.

READ  World Covid, il registro dei casi della Germania. A Bruxelles bar e caffè chiusi per un mese

“Ho semplicemente chiesto di essere trattato come i miei fratellastri” (gli attuali re Philippe, Laurent e Astrid, ndr). Ma da Alberto II questa richiesta è stata accolta con “silenzio e nessun impulso di generosità o benevolenza”. Durante la sua prima apparizione pubblica come principessa, Delphine ha respinto ragioni finanziarie: “L’uomo di cui ero figlia legale (l’industriale Jacques Boël, ndr) era molto, molto ricco. Se la motivazione fosse stata il denaro sarei stato stupido per fare quello che ho fatto. Come artista diplomata a Londra, continuerà a firmare le sue opere con un solo nome, Delphine: “Non mi chiederò certo di essere chiamata principessa”, sorride.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *