La tensione è palpabile sull’isola taiwanese di Matsu: felice del supporto di Biden

Le tensioni tra Cina e Taiwan sono aumentate negli ultimi mesi. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto il possibile durante la sua visita in Giappone dicendo che gli Stati Uniti erano pronti a usare la forza per difendere Taiwan. I residenti delle isole Matsu, che fanno parte di Taiwan, subiscono ogni giorno le conseguenze di questa crescente agitazione.

I residenti delle isole Matsu di Taiwan, a poche miglia dalla Cina continentale, avvertono la minaccia dell’avvicinarsi dei loro vicini. L’arcipelago, che conta circa tredicimila abitanti, ha una base missilistica ed è il campo di addestramento dell’esercito taiwanese. Una necessità, secondo Lii Wen, direttore del Partito Democratico Progressista (DPP) al potere

La minaccia cinese è palpabile. Ci sono navi e aerei che invadono lo spazio aereo e le acque di Matsu. Non è certamente una minaccia militare, secondo Wen, ma sembra minacciosa. “Sempre più mezzi diversi vengono utilizzati per esercitare pressione”.

Il sostegno estero non è evidente

Lii Wen dice di apprezzare le dichiarazioni di Biden su Matsu. Ma il sostegno dall’estero non è scontato e Taiwan vuole soprattutto salvarsi: “Dobbiamo restare consapevoli della necessità di una difesa forte. In definitiva, la nostra sicurezza è una nostra responsabilità.

Biden ha dichiarato lunedì in una conferenza stampa che gli Stati Uniti erano pronti a difendere militarmente Taiwan se la Cina avesse attaccato l’isola. Il presidente americano ha espresso spesso il suo sostegno a Taiwan, ma non è mai stato così risoluto come lo è oggi. Un altro passo, dice il corrispondente Sjoerd den Daas: “Gli americani stanno già sostenendo Taiwan con armi, missili e altre armi difensive. Ma questo è un altro passo. Più tardi Biden è tornato un po’, ma in Cina si stanno preparando. È già previsto che gli Stati Uniti saranno dalla parte di Taiwan in caso di guerra, ma non è ancora chiaro come sarà.

READ  VIDEO. Il calamaro gigante mangia un uomo. Altri attacchi sottomarini.

Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha reagito con forza alle sue dichiarazioni, definendole un “cattivo segnale” per Taiwan. Ha invitato gli Stati Uniti a “fare attenzione con le parole e con i fatti sulla questione”. La Cina vede Taiwan come una provincia rinnegata e vuole che l’isola torni a far parte della Cina continentale.

Concentrati sulla riunione

Shao Yuqun, direttore dell’Istituto per gli studi di Taiwan, Hong Kong e Macao, è preoccupato per il cambiamento della politica cinese sotto l’amministrazione Biden.

Il timore che la Cina non permetta più a Taiwan di essere una democrazia è infondato, dice. “Per anni gli Stati Uniti e alcuni Paesi europei hanno detto che la Cina non dovrebbe attaccare Taiwan perché è una democrazia e la Cina è un’autocrazia. Ma dal punto di vista di Pechino, è una questione di sovranità e integrità territoriale”.

Eppure i cinesi cercano la “riunificazione” con Taiwan. Ma riuscirà senza ricorrere alla violenza? Shao Yuqun dice che è un malinteso che la Cina voglia usare la forza. Secondo lei, l’attenzione per una riunificazione è un clamore.

Su Matsu, non sono sicuri che la violenza non verrà usata. Lii Wen dice che la gente di Matsu vuole principalmente mantenere lo status quo. “Penso che molte persone apprezzino l’eredità condivisa tra le isole Matsu e la provincia cinese del Fujian. Ma ciò non significa che vogliano far parte politicamente di una Cina autoritaria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.