L’ambasciata russa condivide un video bizzarro: “Trasferirsi in Russia: prezzi bassi del gas, belle donne” |  All’estero

L’ambasciata russa condivide un video bizzarro: “Trasferirsi in Russia: prezzi bassi del gas, belle donne” | All’estero

“Questa è la Russia”, inizia il breve video. Per 56 secondi, il regista presenta immagini idilliache assistite da una voce fuori campo inglese piuttosto sinistra. In Russia si può contare su “donne belle, buon cibo, bollette basse di gas, acqua ed elettricità, ospitalità, vodka e valori tradizionali”.

Il testo continua sotto il video.

E ciliegina sulla torta, la Russia ha “un’economia che resisterà anche dopo migliaia di sanzioni”. Qui, il video sembra riferirsi, tra le altre cose, alla guerra in Ucraina e alle tensioni che ne derivano.

E non è tutto. Alla fine, il video esorta gli spettatori a trasferirsi in Russia, e rapidamente perché “l’inverno sta arrivando”. Anche se una campana suona tra gli spettatori di Game of Thronesnon tutti credono nell’innocenza del video.

Minacce

Alcuni utenti pensano che si riferiscano alla fornitura di gas russa con questa frase. “Questo significa che la Russia smetterà di pompare gas in Europa? ha twittato lo scrittore americano Kurt Andersen. Anche la giornalista investigativa russo-americana Fatima Tlisova non è del tutto rassicurata. “I canali di telegramma controllati dallo stato continuano a vantarsi del video”, ha twittato. “Se i russi non lo promuovessero, penserei che fosse satira”. E anche l’ambasciata russa in Spagna ha condiviso il video sul suo account Twitter, senza ulteriore contesto.

Il testo continua sotto il tweet.

Modello ucraino

Secondo Tlisova, ogni passaggio fa parte della propaganda russa: il riferimento alle sanzioni e alla “cultura della non cancellazione” sarebbe anche una citazione diretta di Putin. Inoltre, la modella ucraina Sonya Kapitonova interpreta “una delle belle donne” in un video musicale. E lo stesso video musicale è stato utilizzato anche in un video musicale della cantante ucraina Angy Kreyda.

READ  L'americano fa causa a un'azienda per i tempi di preparazione "troppo lunghi" dei maccheroni | All'estero

La famiglia di Kapitonova è ancora in Ucraina. “Mio fratello non può lasciare il Paese, mia madre lavora a casa e mio padre sta litigando”, ha detto al quotidiano francese. Pubblicazione. “Non ho mai sostenuto la Russia”. Le immagini utilizzate nelle due clip sono state scattate a Mosca nel 2020. “Ho firmato un documento che autorizzava il fotografo a utilizzarle, ma hanno venduto il materiale a una banca di immagini ed è finito su siti molto diversi.

Non è del tutto chiaro se i riferimenti siano una minaccia o una forma di satira.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *