Le azioni della Francia contro l’Islam radicale

Il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato e parzialmente implementato una serie di misure restrittive nei confronti di individui e organizzazioni legate all’Islam radicale dopo l’omicidio dell’insegnante universitario Samuel Paty decapitato 16 ottobre nella periferia nord di Parigi. Paty è stata uccisa da un ragazzo di 18 anni di origine cecena che ha appreso attraverso i social media che il professore aveva mostrato vignette satiriche sul profeta Maometto durante una lezione sulla libertà di parola. Il ragazzo, Abdullakh Anzorov, viveva in una città della Normandia, a circa 70 chilometri da Parigi, e non aveva alcun legame né con l’insegnante né con il college in cui insegnava.

Macron ha tenuto domenica sera un “consiglio di difesa” con ministri e forze dell’ordine, dopo di che ha fatto due annunci: più misure di sicurezza per le scuole e “azioni concrete” contro le fazioni. più pericoloso dell’Islam. radicale. Attualmente, sette persone sono agli arresti per l’omicidio di Paty, per lo più parenti di Anzorov, ucciso dalla polizia durante un tentato arresto.

Lunedì, il ministro dell’Interno Gérald Darmanin ha annunciato che 51 associazioni, comprese scuole religiose e moschee, saranno ispezionate dalle forze dell’ordine durante questa settimana. Solo lunedì, le autorità hanno fatto irruzione in 40 individui e associazioni sospette e aperto indagini su 80 persone che, sui social media, avevano espresso il loro sostegno alla decapitazione di Paty. Inoltre, saranno espulse 231 persone con doppia nazionalità, francese e straniera. Darmanin, ha scritto il il giornale di Wall Street, ha parlato molto duramente: “Dobbiamo smetterla di essere ingenui, non c’è riconciliazione con l’Islam radicale”. Il ministro ha anche dichiarato che perquisizioni e controlli non sono necessariamente legati all’assassinio di Paty: quella del governo è un’iniziativa generale contro l’Islam radicale.

READ  Coronavirus, proteste a Berlino contro misure governative: la polizia usa idranti | L'Ungheria estende il blocco parziale fino all'8 febbraio

– Leggi anche: Dimostrazioni per Samuel Paty

Darmanin ha anche chiuso temporaneamente la moschea Pantin nel sobborgo parigino di Seine-Saint-Denis. Il 9 ottobre, la pagina Facebook della moschea ha pubblicato un video in cui condanna Samuel Paty per aver mostrato le vignette su Maometto, dicendo che l’insegnante stava trasmettendo un messaggio di “odio”. Il video è stato cancellato poche ore dopo l’assassinio di Paty e del direttore della moschea Egli ha detto che “si rammarica” ​​di averlo condiviso ma che il video non era un incitamento alla violenza contro il professore. Il ministro ha detto che la moschea sarà chiusa per sei mesi.

Martedì, Macron ha anche annunciato lo scioglimento di Cheikh Yassine, un’associazione vicina Hamas, il gruppo palestinese radicale. Cheikh Yassine, ha detto Macron, è “direttamente coinvolto” nell’omicidio di Paty; il suo co-fondatore, Abdelhakim Sefrioui, era già stato arrestato pochi giorni prima. Sefrioui è una figura ben nota dell’Islam radicale in Francia, che aveva spesso espresso posizioni estremiste e si era scontrato con imam e religiosi moderati; negli ultimi giorni ci sono state molte polemiche sul perché non fosse stato avviato un procedimento legale contro di lui prima dell’omicidio. Macron ha anche affermato che “nei giorni e nelle settimane a venire” altre associazioni simili potrebbero essere sciolte o poste sotto osservazione. Due di loro erano stati citati nei giorni scorsi: il Collettivo contro l’islamofobia in Francia (CCIF) e BarakaCity, associazione islamica senza scopo di lucro.

Macron ha parlato martedì con il presidente russo Vladimir Putin, perché Anzorov era di origine cecena: i due hanno promesso di “rafforzare la cooperazione franco-russa nella lotta al terrorismo e all’immigrazione illegale”. Anzorov, tuttavia, era legalmente in Francia, con lo status di rifugiato. Inoltre, il ministro degli Affari europei Clément Beaune ha incontrato gli ambasciatori francesi di tutta Europa sulle misure da adottare per combattere il terrorismo su Internet. Margaritis Schinas, Vicepresidente della Commissione, gli scrisse su Twitter dicendo che gli ultimi attacchi, quello di Christchurch in Nuova Zelanda e quello contro Paty, mostrano l’urgenza di agire contro i contenuti terroristici online.

READ  così hanno condannato a morte Kelly

L’Islam radicale è una delle questioni che più hanno impegnato il governo di Emmanuel Macron negli ultimi anni. Pochi giorni fa, il presidente francese aveva annunciato con grande enfasi un nuovo disegno di legge con misure severe contro il “separatismo”, termine che usa da tempo per indicare che molti membri della comunità musulmana vivrebbero in una “società parallela”, porosa al fondamentalismo islamico e contrario ai valori secolari della Repubblica francese. Nei giorni scorsi il governo ha annunciato che il disegno di legge, che dovrebbe essere presentato al Consiglio dei ministri a dicembre, potrebbe essere ulteriormente rafforzato.

– Leggi anche: Macron ha detto che l’Islam è una religione in crisi

L’Islam radicale è uno dei temi della campagna di Marine Le Pen, leader populista di destra, che ha criticato a lungo Macron, accusandolo di essere troppo permissivo con l’estremismo. Molti analisti temono, tuttavia, che il brutale inasprimento delle misure proposto dal presidente abbia dei limiti legali e può provocare rappresaglie contro la comunità islamica.

Mercoledì sera, Samuel Paty riceverà la Legion d’Onore, la più alta onorificenza francese, postuma, durante una celebrazione alla Sorbona, la più importante università del Paese, alla presenza di Macron. La decisione di organizzare la celebrazione alla Sorbona è stata presa dalla famiglia del professore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *