le dighe per la Champions League allo show rossonero, Pirlo precipita – Corriere.it

I campioni dovrebbero essere cercati, pur meritandolo. È Il Milan lo prenderà, diventa grande: tre gol, uno più bello dell’altro a stadio, Colomba aveva sempre perso nella lega; tre punti che valgono il doppio, tre ko per un avversario che da settimane barcolla e che ora avrà difficoltà a rialzarsi. Nulla è stato ancora deciso in toto nella corsa all’ingresso in Coppa, che vale 50 milioni. Ma La Juventus ha perso il senso dell’orientamento, dentro e fuori dal campo: la presenza in tribuna di John Elkann accanto al cugino Andrea Agnelli non basta.

Pirlo’s, se mai lo è stato, non è più una squadra nel pieno senso della parola. Milano è. E gli piace ancora superare le difficoltà ei propri limiti, per regalarsi una serata sontuosa, che non va persa adesso contro Torino, Cagliari e Atalanta. Juve, ora quinta a un punto dal Napoli e in svantaggio nello scontro diretto con il Milan e dietro per differenza reti con il Napolial contrario, non ha più il controllo del proprio destino: battere Sassuolo, Inter e Bologna potrebbe non bastargli. Supponiamo che possa avere successo in queste condizioni: è d’obbligo uno shock e Pirlo non è nemmeno sicuro di arrivare a fine stagione.


Sii una grande sfida tra due fondatori del compianto Superlega, non possiamo dire che lo spettacolo sia all’altezza. In otto mesi Pirlo non è riuscito a superare il classico cambio di gioco di Cuadrado. Lungo la strada Chiesa sulla destra aveva messo in crisi Hernandez, ma dopo tre settimane torna in campo a sinistra e non trova mai il punto di partenza giusto. Morata e Ronaldo non tengono palla e non danno profondità. I primi errori nell’assetto bianconero danno così al Milan più coraggio, più incisivo: prima Diaz, scelta chiave di Pioli, risponde centralmente a una percussione di Bentancur, poi Hernandez decolla e crea due occasioni, disinnescato. Pochi minuti dopo Diaz trova il tiro perfetto: Calhanoglu calcia una punizione dalla destra, Szcesny respinge corto, lo spagnolo dopo un rimpallo si sbarazza di Cuadrado e con il compasso disegna una parabola inespugnabile per Chiellini sulla linea e per il portiere, fuori dai pali anche per un smart block di Ibra.

READ  "La classifica pesa nella testa dei giocatori. Il gol di Milenkovic deve cambiare vento"

Lo schiaffo sembra rivitalizzare la Juve, che ad inizio ripresa si avvicina al pareggio: Donnarumma respinge Bentancur. Subito dopo, però, il Milan può prendere la partita: Chiellini respinge un tiro di Diaz con il braccio largo in area e Var aiuta Valeri a concedere il rigore. Szczesny, invece, con un tuffo alla sua sinistra, spazza via il La palla morbida di Kessie. I rossoneri subiscono il contraccolpo, anche perché Ibra viene tradito per ginocchio e anche Diaz esce zoppicante.

Non che la Juve ne tragga vantaggio, anche perché Pirlo tiene Dybala in frigo, senza motivo: quando arriva il momento di stappare il talento dell’argentino, la festa è già tutta per il Milan, grazie al un altro bel gol, questa volta di Rebic, anche a destra e sotto l’incrocio, ma partendo dalla linea di zona. Il perfetto temporale rossonero si conclude con una grandinata, sotto forma di Testa di Tomori, che sale al centro dell’area e devia una punizione di Calhanoglu. Il Milan urla a tutti che è una squadra di campioni. La Juventus non sa più chi sia. E forse nemmeno quello che vuole veramente.

9 maggio 2021 (modifica il 9 maggio 2021 | 23:15)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *