Le organizzazioni umanitarie sospendono il lavoro in Afghanistan dopo il nuovo regime talebano |  All’estero

Le organizzazioni umanitarie sospendono il lavoro in Afghanistan dopo il nuovo regime talebano | All’estero

Tre organizzazioni umanitarie straniere, tra cui Save the Children, hanno annunciato domenica che avrebbero temporaneamente sospeso il loro lavoro in Afghanistan. Lo fanno perché i talebani da sabato hanno vietato a tutte le organizzazioni non governative (ONG) di assumere dipendenti donne.

“Non possiamo raggiungere adeguatamente i bambini, le donne e gli uomini in Afghanistan che ne hanno bisogno senza il nostro personale femminile”, hanno affermato le tre ONG in una dichiarazione congiunta. Dice anche che i milioni di afghani bisognosi dall’agosto dello scorso anno non sarebbero stati raggiunti senza gli sforzi delle loro lavoratrici.

Il governo fondamentalista talebano minaccia di revocare le licenze alle Ong che non rispettano le nuove regole. Alcuni dipendenti non seguono la rigida interpretazione del codice di abbigliamento islamico, questa è la motivazione. Ci sarebbero state molte lamentele al riguardo. Più di 180 ONG nazionali e internazionali sono attive in Afghanistan.

Non è chiaro se l’ordine si estenda alle agenzie delle Nazioni Unite (ONU), che hanno personale significativo in Afghanistan. Le Nazioni Unite non sono elencate come ONG, ma spesso stipulano contratti con ONG registrate in Afghanistan per svolgere attività umanitarie. Gli operatori umanitari affermano che le lavoratrici sono fondamentali per garantire alle donne l’accesso agli aiuti.

Sabato nella città occidentale di Herat si sono svolte proteste su piccola scala contro il divieto. La polizia ha cercato di disperdere i manifestanti con cannoni ad acqua e manganelli.

Da quando i talebani sono tornati al potere lo scorso agosto, le ragazze e le donne sono state sempre più private del loro diritto di voto. Provoca critiche anche in paesi islamici come Turchia, Iran e Pakistan.

READ  dichiarazione congiunta sulla guerra in corso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *