Salvataggio gollista, Le Pen non trafigge – Corriere.it

dal nostro corrispondente
PARIGI – Due francesi su tre non sono andati a votare al primo turno delle elezioni regionali svoltosi ieri. È stato battuto un nuovo record di astensione, percentuali così basse erano state osservate solo per alcuni referendum. Questo elemento può essere utilizzato come la consolazione è per il partito di Emmanuel Macron, La République En Marche, che tutti pensavano sarebbe andata male ma non così male – arrestato al 10% a livello nazionale, umiliato nella regione Hauts-de-France – sia per l’addestramento di Marine Le Pen, il Rally Nazionale, andato molto meno bene del previsto e quindi può mancare la presidenza regionale, che da tempo cerca di darsi un tono più istituzionale.

Attualmente gli unici soddisfatti sono gli uomini della destra gollista, repubblicani, o quelli che hanno lasciato il partito di Sarkozy pur rimanendo in questa sfera politica come Xavier Bertrand, il presidente della regione degli Hauts-de-France del Nord che sarà probabilmente riconfermato. Bertrand il protagonista del capolavoro politico del giorno, e non è un caso che sia stato tra i primi a parlare, in toni solenni e marziali, già come candidato alle prossime elezioni presidenziali (primavera 2022): cinque anni fa, in serata al primo turno, eravamo secondi , 16 punti dietro al Front National (oggi Rassemblement national, ed). Questa volta, le donne e gli uomini della regione Hauts-de-France sono chiaramente in testa. A loro va la mia profonda gratitudine. Ci siamo rotti la bocca al Rally Nazionale.


Secondo le prime stime Bertrand ottiene il 44% dei voti, ben davanti al candidato lepenista Sébastien Chenu, al 24,4%, che i sondaggi hanno invece dato molto più alto. In terza posizione la candidata ambientalista sostenuta dalla sinistra Karima Delli con il 18%. La lista di Laurent Pietraszewski sostenuta dalla Lrem, partito di Macron, non supera la soglia del 10% e quindi non si qualifica al secondo turno. un’altra fonte di soddisfazione per Bertrand, e umiliazione per la maggioranza presidenziale: per indebolire Bertrand e ridurre le sue ambizioni per il Palazzo dell’Eliseo, in campagna elettorale pezzi grossi come il ministro degli Interni, Grald Darmanin, o della Giustizia, erano passati su Pietraszewski Eric Dupond Moretti. Sono entrati nella lista, ma sono stati rifiutati a titolo definitivo.

READ  “Sulla sinistra ipocrita dell'Afghanistan. Che fine ha fatto il met?

Vieni Macron, anche l’altra favorita per le presidenziali del 2022, Marine Le Pen, ha ottenuto un pessimo risultato. Ma se Macron l’avesse pianificato, per Marine Le Pen una sorpresa. I sondaggi mettono i suoi uomini avanti in almeno cinque regioni, ma resta alla sua portata solo la Paca (Provenza-Alpi-Costa Azzurra), dove l’ex ministro di Sarkozy, Thierry Mariani, sostenuto dall’Assemblea nazionale, non ancora del tutto ritirato contro Renaud Muselier, candidato di destra sostenuto da i macronisti. Mariani per non più preferito e potrebbe ripetersi lo scenario delle precedenti regionali, quando Marine Le Pen non ottenne nemmeno la presidenza. Al primo turno vincono i vecchi partiti: la destra (29%) e la sinistra socialista (18%), mentre il Rn scende al 19% e il Lrem al 10%. Domenica il secondo turno.

20 giugno 2021 (modificato il 20 giugno 2021 | 22:28)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *