Lecce-Parma, i bollettini giallorossi: coda incontrollabile

GABRIELE 6.5: non ha colpe in porta, quando è necessario indossare i guanti per difendere la porta è sempre pronto a rispondere.

GENDRIO 5.5: nella prima mezz’ora fatica a tenere Iacoponi e il vantaggio del Parma nasce da un pessimo letto. Meglio nel secondo tempo ma non abbastanza per la piena sufficienza.

>>> CALABRESI sv

TUIA 7: bravo a giocare la palla da dietro e attento nella marcatura. Si fa notare su calcio d’angolo, segnando l’1-2, fondamentale nell’economia del match.

LEZIONI 6: ha il suo compito di leggere i movimenti degli attaccanti avversari, soprattutto nella prima fase del match. Nel complesso, non corre grandi rischi.

VERA 6: in difficoltà in fase difensiva, soprattutto nel primo tempo, poi è uscito dalla distanza e nella ripresa ha offerto anche l’assist a Coda per il gol dell’1-3. Quando è sicuro può mostrare grandi cose.

RUOTA 6.5: gestione della palla super fine, come al solito. Ottimo anche in fase di recupero. Come centrocampista ha ancora margini di miglioramento ma la base è più che buona.

>>> RODRIGUEZ sv

BLIN 6: Più sostanza che idee, bravo a raccogliere più palloni nella prima parte di gioco e preciso nello smistare a vantaggio dei compagni. Non lo vedi, ma è ovunque.

MAGGIORE 6.5: quantità e qualità, il meglio del terzetto di centrocampo. Con un po’ di convinzione in più avrebbe potuto segnare anche nel primo tempo.

>>> BJORKENGREN sv

HELGASON 6: gioca largo sulla destra, a tratti un po’ distaccato dal gioco ma nel complesso ordinato.

>>> PAGANINI 6: entra bene in partita, facendosi vedere a lungo a destra in uscita. Colpisce un gran gol con un bel tiro dalla distanza.

CODA 8: nuova stagione, vecchie abitudini. E’ lui il vero protagonista della partita, a due reti da un ottimo finalizzatore dall’area di rigore. Questo fa letteralmente impazzire la difesa del Parma.

OLIVO 6.5: molto ispirato nel primo tempo, crea a beneficio dei compagni e lavora bene la palla sul fronte offensivo. Bravo a gestire il contropiede da cui è nato l’1-1 di Coda.

>>> STREFEZZA 5.5: l’atteggiamento è quello giusto, si muove molto e ringhia agli avversari quando si tratta di recuperare palla. Solo mezzo voto in meno per il clamoroso gol mancato sull’1-2, per il resto un buon inizio.

BARONIA 7: la trasferta di Parma dice che il Lecce è pronto per iniziare il campionato nel migliore dei modi. La squadra ha già acquisito i principi di gioco del proprio allenatore e sa come implementarli efficacemente in entrambe le fasi. I margini di miglioramento sono enormi, ma un 1-3 in casa per uno dei favoriti del campionato cadetto non è banale.

READ  Torna ai riti vudù dell'asinello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *