Leclerc: “Strano rumore del motore che torna ai box” – F1 Piloti – Formula 1

Il solito Carlo Leclerc di sabato. Anzi, scusa, venerdì. Quella dei diplomi, insomma. Qualifiche che il nuovo format ha in programma per il Gran Premio di Gran Bretagna di venerdì: quando si tratta di spingere al massimo senza pensare alla gestione, il monegasco è uno dei più forti in griglia. E lo ha dimostrato anche a Pietra d’argento, ottenendo il quarto posto al via della prima Qualificazione Sprint della storia. Il pilota della Ferrari ha visitato solo Lewis Hamilton, Max Verstappen e Valtteri bottas, prendendo esattamente cinque decimi del finlandese. Ma ha superato Sergio Perez (grazie a un giro annullato per il seguire i limiti). E non poteva fare di più, su un circuito che teoricamente mette in svantaggio la Ferrari.

Qualifica Sprint GP di Gran Bretagna 2021: la griglia di partenza

Ecco le parole di Leclerc dopo le qualifiche a Silverstone: “Mi è piaciuto oggi. In generale, mi piace avere poca preparazione. C’era meno tempo per guardare i dati, dovevi essere subito. Mi piace il mio modo di approcciarmi. Ora i nostri occhi sono puntati sulla gara di sabato e speriamo di fare bene. Sono molto contento del risultato di oggi. Qualificarsi con così poco tempo per prepararsi rende le cose un po’ complicate, ma anche più divertenti. Abbiamo fatto un buon lavoro per massimizzare il potenziale della vettura. Mi sono trovata bene, soprattutto nel primo trimestre. In Q2 non ero allo stesso livello, ma nella fase decisiva ho ripreso fiducia e ritmo finendo in quarta posizione, che credo sia stata la miglior risultato a cui possiamo aspirare. Per quanto riguarda le aspettative per domani, vediamo come vanno le cose. Stiamo entrando in un territorio inesplorato. Useremo PL2 per prepararci al meglio e ottenere il miglior risultato possibile“L’ha detto ai giornalisti e ai canali ufficiali della Ferrari.

Mekies: “Domani tutti col software? Non è sicuro”

Miglior risultato possibile, a patto che il campanello d’allarme a fine qualifica non rovini tutto. Subito dopo aver segnato il quarto tempo, Leclerc ha avvertito la squadra di un rumore sospetto sulla sua vettura: “Ragazzi c’era un strano rumore con il motore che torna ai box. Forse possiamo controllare, volevo farti sapere. Potrebbe essere niente. Comunque un buon lavoro“.

READ  Meite, il perfetto impegno digitale nel centrocampista del Milan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *