l’eruzione ricopre l’isola di cenere, silenzio dal giorno dello tsunami

Con Internet e le comunicazioni interrotte, Tonga è tagliata fuori dal mondo. E tra mancanza di acqua potabile e timori per i veleni delle ceneri, lo scenario che si annuncia nel piccolo arcipelago del Pacifico è quello di una nuova emergenza umanitaria.

Le isole Tonga sono praticamente scomparse dopo il nuova eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Hàapa e tsunami. Con l’aeroporto in cenere, senza internet, con un blackout, linee telefoniche interrotte e cavi sottomarini rotti, il piccolo arcipelago del Pacifico è tagliato fuori dal mondo: nessuna comunicazione ha lasciato le isole, nessuna comunicazione non le ha raggiunte. E la mancanza di acqua potabile, così come i veleni delle ceneri, fanno temere una possibile crisi umanitaria.

Stato di emergenza dopo l’esplosione del vulcano

L’alto commissario della Nuova Zelanda a Tonga, Peter Lund, ha affermato che il governo locale ha dichiarato lo stato di emergenza. Non è ancora chiara l’entità dei danni e delle vittime (si parla di 3 morti, non accertati). Il Pacific Tsunami Warning Center (Ptwc), con sede alle Hawaii, ha indicato di aver localizzato grandi onde anomale nella regione: “Potrebbero essere state generate da un’altra esplosione del vulcano a Tonga”, poiché “nessun terremoto di dimensioni significative non è conosciuto”. “chi avrebbe potuto farlo.

La situazione in Tonga

Una delle poche voci emerse da Tonga è quella della corrispondente di 1News Pacific Barbara Dreaver. Il cronista precisa che “un cavo sottomarino è stato distrutto in due punti dall’eruzione” e uno di questi due tratti “si trova vicino al vulcano”. L’aviazione neozelandese sta attualmente conducendo una missione per verificare con maggiore precisione l’entità del danno. Nel post di Facebook, ha affermato che almeno centinaia di residenti erano impegnati a ripulire lo “spesso film di cenere”, in particolare quello sulla pista principale dell’aeroporto di Nuku’alofa, nella speranza che il primo volo di soccorso arrivi il prima possibile . possibile, ma c’è “molta strada da fare”, ha detto Dreaver.

READ  le ultime notizie e gli aggiornamenti dei dati paese per paese oggi 17 gennaio

80.000 persone in situazioni disagiate

Intanto sui social crescono gli appelli per aiutare la popolazione di Tonga. Secondo la Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (Ifrc), fino a 80.000 persone potrebbero trovarsi in condizioni precarie. Lo stesso giornalista di 1News Pacific ha parlato di “danni agli edifici”. Al momento, secondo le informazioni di Dreaver, la nave che deve occuparsi delle riparazioni si trova in Papua Nuova Guinea. Il tempo stimato per ripristinare le comunicazioni è quindi “più di due settimane”. Il ministro del Pacifico australiano Zed Seselja ha affermato che i sondaggi iniziali, tuttavia, sembravano escludere un bilancio catastrofico delle vittime. “Sappiamo che ci sono danni significativi anche nelle località turistiche”, ha affermato il ministro. “Lo tsunami ha avuto un impatto importante sulla costa settentrionale di Nuku’alofa, la capitale delle Tonga. La situazione è calma e stabile, tuttavia l’arcipelago ha bisogno di rifornimenti d’acqua poiché la nuvola di cenere ha causato la contaminazione” ha affermato il Primo Ministro neozelandese Ministro Jacinda Ardern. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.