L’ex consigliere di Trump Steve Bannon incarcerato per oltraggio al governo |  ADESSO

L’ex consigliere di Trump Steve Bannon incarcerato per oltraggio al governo | ADESSO

Steve Bannon, ex consigliere del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, è stato condannato a quattro mesi di carcere per oltraggio al parlamento. Non ha collaborato alle indagini sull’assalto al Campidoglio e non si è presentato per essere interrogato. Il giudice ha anche multato Bannon di $ 6.500 ($ 6.644).

Lo scorso luglio il confidente di Trump era già stato condannato da a giuria popolare. La giuria ha ritenuto Bannon colpevole di non aver consegnato i documenti. Inoltre non ha testimoniato. In tal modo, ha apertamente insultato il governo. I pubblici ministeri statunitensi hanno chiesto che Bannon fosse incarcerato per sei mesi.

L’avvocato di Bannon ha detto che si è affidato al consiglio dei suoi avvocati di non presentarsi. Trump aveva invitato tutti i suoi dipendenti a non collaborare alle indagini, che secondo lui avevano un intento puramente politico.

Il comitato ha voluto ascoltare la testimonianza di Bannon, che ha parlato con Trump almeno due volte il giorno prima della tempesta del 6 gennaio 2021. Più tardi quel giorno, ha detto nel suo influente podcast che “domani si scatenerà l’inferno”. Bannon ha annunciato poco prima dell’inizio del processo che era ancora disposto a testimoniare, ma i pubblici ministeri affermano che ciò non cambia il fatto che ha già infranto la legge.

Gli avvocati di Bannon hanno chiarito che intendono presentare ricorso. Secondo il giudice, il rischio è “molto basso” che commetta un altro errore, quindi può attendere un eventuale ricorso per la scarcerazione.

C’è un procedimento penale ancora più serio contro Bannon.

Bannon è stato un consigliere chiave di Trump durante la campagna elettorale del 2016. Il suo lavoro di stratega è terminato nel 2017 dopo una controversia, che è stata successivamente risolta. Bannon è stato prominente nei media di estrema destra per decenni.

READ  L'ambasciata americana in Russia avverte gli americani di attacchi | All'estero

Il 6 gennaio 2021, una folla pro-Trump ha preso d’assalto il Campidoglio a Washington. La polizia è stata attaccata con manganelli, pennoni, taser, prodotti chimici, tubi di metallo, pezzi di guardrail e altre armi. Era un tentativo di fermare i risultati elettorali. Donald Trump ha perso le elezioni contro il democratico Joe Biden.

Ci sono altre cause pendenti contro Bannon. A settembre, il tribunale lo ha accusato di riciclaggio di denaro. Il 68enne avrebbe ingannato i donatori che hanno donato denaro per costruire un muro al confine tra Stati Uniti e Messico. Per questo potrebbe rischiare fino a 15 anni di carcere.

Anche un altro sostenitore di Trump, Peter Navarro, sarà processato il mese prossimo. Come Bannon, ha rifiutato di testimoniare. L’ultima volta che un imputato è stato trovato per disprezzo del Congresso è stato nel 1974. All’epoca, era Gordon Liddy, un cospiratore nello scandalo Watergate che portò alle dimissioni del presidente Richard Nixon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *