“L’ex guardia di sicurezza del presidente russo è stata fucilata” All’estero

Non è chiaro se Zimin, 53 anni, si sia suicidato o sia stato colpito alla testa da qualcun altro nella sua cucina in un appartamento a Krasnogorsk. Il fratello della vittima era in bagno al momento della sparatoria. Una pistola russa IZH-79-9TM, nota anche come Makarych, è stata trovata vicino al corpo del colonnello. Sua moglie è un medico e secondo quanto riferito era lontano da casa per curare soldati feriti nella zona di guerra in Ucraina.

Zimin era sospettato di corruzione dopo essere stato promosso all’interno delle dogane russe, riferisce Moskovsky Komsomolets, un quotidiano di Mosca. Si era ritirato dal servizio di sicurezza e in precedenza trasportava la valigetta segreta contenente i codici nucleari di Boris Eltsin, presidente dal 1991 al 1999. Si ritiene che la valigetta più sicura di Mosca contenga una delle chiavi per attivare i sistemi nucleari russi (missili). Abbastanza sorprendentemente, non funziona con un pulsante rosso ma bianco. Il codice non può mai essere inserito da una sola persona; secondo i media russi, ci sono almeno tre di queste valigie.

Il alquanto misterioso Zimin, di cui si sa poco, ha lavorato anche per l’attuale presidente Vladimir Putin. Ma non si sa quale funzione abbia svolto sotto di lui.

READ  Sicario di 19 anni arrestato nel parco del Castello di Windsor, dove la Regina Elisabetta trascorre il Natale - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.