L’ex mercenario riconosce i colleghi di Wagner nel video della decapitazione del soldato ucraino |  All’estero

L’ex mercenario riconosce i colleghi di Wagner nel video della decapitazione del soldato ucraino | All’estero

“Bestie russe”Andrey Medvedev, l’ex mercenario del gruppo paramilitare russo Wagner fuggito in Norvegia, ha riconosciuto i miliziani Wagner nello scioccante video della decapitazione che circola sui siti di social media.

Secondo Vladimir Osechkin, fondatore dell’organizzazione russa per i diritti umani Gulagu.net, Medvedev non ha dubbi sull’identità degli autori. “Ha visto più volte il video e riconosce i suoi ex colleghi, combattenti dell’esercito mercenario wagneriano”. Il video è stato pubblicato questa settimana sul canale YouTube del critico del Cremlino Mikhail Khodorkovsky.

Si dice che Medvedev abbia identificato gli autori a causa dei “nomi caratteristici e del modo di parlare”. Medvedev è fuggito in Norvegia dopo la sua diserzione, dove è stato arrestato a gennaio. Successivamente è stato rilasciato, ma è finito in prigione in Svezia.

Secondo il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, la Russia si sta comportando sul campo di battaglia peggio del gruppo terroristico dello Stato islamico, che all’epoca sconvolse il mondo con i video delle decapitazioni in Iraq. Koeleba ha definito assurdo che la Russia sia attualmente il presidente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. “I terroristi russi devono essere espulsi dall’Ucraina e dalle Nazioni Unite e ritenuti responsabili delle loro azioni”. Koeleba vuole che anche la Corte penale internazionale dell’Aia indaghi su questi casi.


Il video con immagini raccapriccianti è emerso su vari siti di social media martedì sera. Il video, che dura un minuto e quaranta secondi, sembra mostrare un prigioniero di guerra ucraino vivo e urlante che viene decapitato con un coltello da un soldato russo mascherato. L’assassino indossa nastri bianchi intorno alle gambe, un segno di identificazione utilizzato dai soldati russi. La vittima indossa una fascia gialla che è un simbolo di identificazione delle truppe ucraine, la sua uniforme ricorda quella della Guardia Nazionale dell’Ucraina. A giudicare dai dintorni verdi, il video, che è circolato ampiamente sui canali Telegram filo-russi, probabilmente non è stato registrato di recente, ma potrebbe essere stato registrato la scorsa estate o la tarda primavera del 2022, hanno detto gli esperti.

Violazione

Andriy Yussov del servizio di intelligence militare ucraino (HUR) è sicuro che si tratti di una “esecuzione da parte delle forze di occupazione”. “Questa è un’altra flagrante violazione di tutte le norme e regole di guerra. Per non parlare delle Convenzioni di Ginevra, del diritto internazionale umanitario. Secondo Yussov, le autorità ucraine hanno aperto un’inchiesta. “Il boia non è l’unico colpevole: pubblicare questo video è una politica dei crimini di guerra, è una politica dello Stato”. Secondo lui, questa politica ha due obiettivi. Da un lato, è “un tentativo di demoralizzare e seminare il panico nelle file ucraine” che terrorizza i combattenti. Le immagini dicono: ‘non pensare di arrendersi'”.

Commento

READ  così hanno condannato a morte Kelly

Il presidente ucraino Zelensky ha parlato di “bestie russe” e mercoledì ha chiesto al mondo di reagire a due video che ora stanno circolando sui social. “Ci sono alcune cose che nessuno al mondo può ignorare: la facilità con cui queste bestie uccidono. Questo video dell’omicidio di un prigioniero ucraino deve essere stato visto dal mondo. Questo video è la Russia così com’è. ha continuato: ,,Questa non è una coincidenza. È successo prima. Così è stato a Bocha. Migliaia di volte. Tutti dovrebbero rispondere. Ogni capo. Non vediamo l’ora che venga dimenticato. Tutti saranno ritenuti responsabili davanti alla legge. Il terrore deve perdere.

In un secondo video, due – probabilmente – soldati ucraini giacciono accanto a un veicolo in panne. Le loro mani sono state tagliate. Anche questo video verrebbe dai mercenari wagneriani.

L’autenticità delle immagini scioccanti è difficile da verificare, ma gli ucraini non hanno dubbi. Li aveva visti anche il portavoce russo Dmitry Peskov. “Queste sono immagini orribili, ma in questo mondo di falsi, dobbiamo essere sicuri dell’autenticità”, ha detto Peskov.

La missione Onu in Ucraina è scioccata dalle immagini. L’Unione europea ha ricordato che si stanno compiendo sforzi per perseguire e consegnare alla giustizia i crimini di guerra, ma l’UE non ha altre informazioni sull’autenticità dei video che mostrano presumibilmente i cadaveri dei prigionieri di guerra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *